Quantcast

A Parabiago una folla di fedeli per la Via Crucis con l’arcivescovo mons. Mario Delpini

Mons. Delpini non si è sottratto all'abbraccio dei fedeli che l'hanno voluto salutare, compreso un gruppo di giovani di San Giorgio su Legnano

Non saranno stati tremila, come indicavano le previsioni, ma sicuramente si deve parlare di una vera folla di fedeli per indicare quella che ha accompagnato la Via Crucis a Parabiago con l’arcivescovo mons. Mario Delpini. Minacciata da pioggia, grandine e freddo, la processione si è svolta regolarmente per le vie della cittadina parabiaghese, con canti e preghiere. Tra i  presenti, il sindaco Raffaele Cucchi.

Galleria fotografica

Via Crucis a Parabiago con mons. Mario Delpini 4 di 15

La Via Crucis è partita dalla chiesa Sant’Ambrogio della Vittoria di via Spagliardi, prevedendo quattro stazioni localizzate in via Spagliardi incrocio via del Monastero; piazza della Vittoria; via Santa Maria/Fratelli Rosselli (in prossimità di Villa Corvini); nello spazio antistante la Biblioteca civica. Infine sul sagrato della chiesa dei santi Gervasio e Protasio, la preghiera finale di mons. Delpini e il ringraziamento di mons. Luca Raimondi vicario episcopale di zona: «In questi due anni di pandemia – il suo intervento – non abbiamo potuto vivere la nostra fede in pieno, eppure non ci siamo mai sentiti orfani perchè, mons. Delpini, con la sua presenza e la sua preghiera lei si è sempre manifestato vicino a noi»,

Mons. Delpini non si è sottratto all’abbraccio dei fedeli che l’hanno voluto salutare, compreso un gruppo di giovani di San Giorgio su Legnano tra i più intraprendenti nell’avvicinare l’arcivescovo già con un piede nell’auto che l’avrebbe riportato a Milano.

Via Crucis a Parabiago con mons. Mario Delpini

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Aprile 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Via Crucis a Parabiago con mons. Mario Delpini 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore