Quantcast

Covid-19, a Cerro Maggiore kit di autodiagnosi a domicilio per anziani e bambini

Per arginare la pandemia il comune di Cerro Maggiore sta spedendo alle famiglie con bambini e anziani dei kit di autodiagnosi per la Covid-19

kit autodiagnosi covid cerro maggiore

La pandemia è tornata a mordere anche nel Legnanese, dove da settimane i contagi sono in rialzo e negli ultimi sette giorni hanno purtroppo raggiunto numeri da record, e i comuni del territorio provano a correre ai ripari per tenere sotto controllo la corsa del virus. Cerro Maggiore, però, ha optato per un approccio diverso da quello delle altre amministrazioni della zona, che nelle scorse settimane hanno scelto la via delle ordinanze per far scattare l’obbligo di mascherina anche all’aperto, e ha puntato sulla consegna a domicilio di kit per l’autodiagnosi alle famiglie con bambini e anziani.

«In collaborazione con la nostra farmacia comunale abbiamo realizzato un progetto mirato a proteggere la parte più debole della popolazione, al fine di contenere gli eventuali contagi – spiega il sindaco Nuccia Berra -. Alle porte del picco influenzale stagionale è molto importante riconoscere i malanni di stagione dalla Covid per evitare di gravare ulteriormente sulla macchina sanitaria già fortemente stressata dalla nuova ondata pandemica. Questo ulteriore sforzo economico della nostra amministrazione comunale si aggiunge a quanto già fatto concretamente in questi mesi contro la pandemia. Spero che questo ulteriore progetto, orientato direttamente alla fascia più debole della popolazione, sia apprezzato e soprattutto aiuti lo svolgimento normale delle attività scolastiche e dia maggiore serenità alle famiglie ed ai nostri carissimi nonni».

«Proprio l’aumento dei casi e la nuova variante Omicron stanno causando un aumento dei prezzi di questi kit di autodiagnosi ed al tempo stesso stanno finendo le scorte di prodotto – aggiunge la prima cittadina, ricordando che Palazzo Dell’Acqua nei mesi scorsi ha lavorato gomito a gomito con ASST e con i medici di medicina generale per aprire l’hub vaccinale al MoveIn, poi trasformato in centro per la vaccinazioni antinfluenzali e infine riaperto ad inizio dicembre -. Per tutte queste ragioni credo che lo sguardo lungimirante della mia amministrazione e la capacità di muoversi col giusto anticipo da parte della nostra farmacia comunale ci abbia permesso di realizzare qualcosa di molto utile e significativo per la nostra comunità».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore