Quantcast

Rescaldina, chiude per cinque giorni la piattaforma ecologica di via Melzi

L'impianto abbasserà metaforicamente la saracinesca da lunedì 29 novembre a venerdì 3 dicembre per permettere il passaggio al nuovo gestore del servizio di igiene urbana

piattaforma ecologica rescaldina

Piattaforma ecologica chiusa per cinque giorni a Rescaldina: l’impianto di via Barbara Melzi abbasserà metaforicamente la saracinesca da lunedì 29 novembre a venerdì 3 dicembre per permettere il passaggio del testimone tra l’attuale gestore del servizio di igiene urbana e Aemme Linea Ambiente, che subentrerà a partire dal 1° dicembre. Saranno invece garantiti tutti gli altri servizi, ovvero la raccolta porta a porta dei rifiuti e la pulizia delle strade.

Rescaldina volta pagina e affida il servizio di igiene urbana ad Amga: «Obiettivo differenziata all’80%»

Il paese nei prossimi giorni volterà così pagina concretizzando un percorso iniziato mesi fa con l’acquisizione di un “pacchetto” di quote della multiservizi, che con Rescaldina porterà a 18 il numero dei comuni serviti e allargherà ai 14mila cittadini del paese il bacino di utenza attuale, che già ora include circa 250mila residenti dell’Alto Milanese. Il nuovo contratto, che arriva a valle di un percorso di confronto con la cittadinanza durato anni e di non poche polemiche che hanno animato le piazze fisiche e virtuali, durerà otto anni e porterà gradualmente diverse novità in paese.

Proprio la piattaforma ecologica sarà al centro di alcune “rivoluzioni” legate al cambio di gestione, con l’avvio di un percorso di riqualificazione che prevede il rifacimento della pavimentazione, il ripristino della pesa esistente e il rifacimento dei parapetti e la presenza di un operatore aggiuntivo nei fine settimana. Tra le altre novità che entreranno gradualmente a regime da mercoledì 1° dicembre in poi, al netto del prevedibile periodo di assestamento iniziale, ci saranno un operatore manuale in più per lo spazzamento del paese, l’estensione dello spazzamento meccanizzato anche alle piste ciclabili grazie a mezzi ad hoc, l’aumento delle ore destinate al servizio di raccolta foglie nel periodo invernale e dell’orario di attività dell’ispettore ambientale per il contrasto all’abbandono abusivo di rifiuti. Lo sportello dedicato all’igiene urbana di via Tintoretto, inoltre, rimarrà aperto oltre che al sabato dalle 8.30 alle 12.30 anche il mercoledì dalle 17.30 alle 19.30 e arriveranno in paese tre punti per il conferimento degli oli vegetali esausti.

Non cambierà invece in questa prima fase la raccolta differenziata vera e propria, per la quale la scelta è caduta su un periodo di formazione e informazione della cittadinanza prime delle modifiche che partiranno nel 2023, quando ci saranno dei cambiamenti nei giorni di presa dei rifiuti e nei colori dei mastelli. L’idea dell’amministrazione, peraltro, è quella di partire nel 2023 anche con la tariffa puntuale, visto anche che in paese già si utilizzando i sacchi con il chip: questa previsione, però, è subordinata alla verifica che tutti i dati “lavorino” in modo corretto.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 28 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore