Quantcast

Elezioni, Daniela Colombo (Tutti Per Nerviano): «Cinque anni senza confronto»

Ancora incerta la ricandidatura alle prossime elezioni di Daniela Colombo di Tutti per Nerviano, che boccia su tutta la linea l'amministrazione Cozzi

elezioni nerviano daniela colombo tutti per nerviano

Due campagne elettorali finite con un posto tra i banchi delle minoranze del consiglio comunale, una “in solitaria” nel 2011 e una con un gruppo di civiche nel 2016 che ha visto la corsa alla poltrona più alta di piazza Manzoni fermarsi al ballottaggio. Dieci anni di opposizione nel parlamentino cittadino. E ora le nuove elezioni, che vedono Nerviano fra i comuni che torneranno alle urne per scegliere il nuovo sindaco, con i nomi dei possibili candidati che si rincorrono sempre più velocemente nel chiacchiericcio di paese ma che ancora stentano ad essere ufficializzati. È tempo di bilanci per Tutti per Nerviano e soprattutto per Daniela Colombo, che della civica è capogruppo in consiglio comunale.

«Se è vero che i dieci anni trascorsi all’opposizione hanno portato ad una maturazione a tutto tondo rispetto al modo di amministrare un comune, è altrettanto vero che tanti anni di frustrazioni lasciano il segno – spiega Daniela Colombo -. È disarmante vedere come troppo spesso i partiti politici vincano le elezioni amministrative quasi unicamente allo scopo di issare un bandierina ideologica di conquista ma senza una preparazione e senza le necessarie competenze per “mettere a terra” i programmi. A peggiorare il quadro inerente gli aspetti motivazionali personali, questi cinque anni a guida Lega si sono particolarmente contraddistinti anche per la totale assenza di idee da parte della maggioranza: un vuoto che ha inibito il dibattito e un’arroganza che ha ignorato ogni spunto ed ogni suggerimento da parte delle opposizioni».

Insomma, a tre mesi e mezzo dall’apertura della finestra fissata dal Ministero dell’Interno per il voto, la presenza di Daniela Colombo ai blocchi di partenza delle prossime elezioni a Nerviano è ancora da confermare. «Se mi ricandido? Nel confronto politico non c’è peggior condizione del silenzio poiché il risultato è quello di rendere irrilevante l’avversario – aggiunge Colombo -. Gli streaming dei consigli comunali sono la prova provata dell’inutile presenza dei membri della maggioranza, del segretario comunale e del sindaco nel consesso dove si svolge l’esercizio più importante del controllo politico-amministrativo del comune, ed è lì che la dialettica e il confronto sono drammaticamente mancati semplicemente perché la maggioranza non aveva nulla da dire e non riusciva ad argomentare neppure le proprie decisioni…. Quindi, se questo è lo scenario, occorre pensarci approfonditamente perché per competere serve certamente una squadra credibile, competente e motivata ma anche disposta a restare con questi presupposti in caso di insuccesso».

Quel che invece è certo, al netto delle prossime elezioni, è la bocciatura netta che arriva da Tutti per Nerviano rispetto agli ultimi cinque anni di amministrazione a trazione leghista di Massimo Cozzi. «Rispetto alla valutazione dell’azione amministrativa, la mia è una bocciatura su tutti i fronti e se è vero che “anche l’orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno”, ebbene in questi cinque anni non sono mai riuscita a trovare un elemento di condivisione, oltre ogni principio statistico – conclude Daniela Colombo -. Pensiamo, solo per restare alla storia più recente, a come sia stato “riqualificato” il principale viale di accesso a Nerviano (viale Villoresi, ndr): un progetto che sarebbe stato anacronistico già 10 anni fa, lavori malfatti e un caravanserraglio di arredi urbani che era veramente difficile immaginare peggiore. Sul fronte dell’ammodernamento di scuole e plessi scolastici, siamo al palo come lo eravamo anni fa. Rispetto ai servizi sociali, il paradosso è un contratto con SERCOP in scadenza senza nessuna decisione per il futuro e riguardo la tassazione i nervianesi hanno scoperto in questi giorni come la Tari sia quasi raddoppiata grazie al fatto che nelle decisioni, quando non sei in grado di guidare i fenomeni, affidi all’esterno non solo il braccio ma ahimè anche il cervello, con i risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 03 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore