Quantcast

Rescaldina fa il “tagliando” alle consulte: via libera al nuovo regolamento e alla Consulta Sport

Via libera all'unanimità in consiglio comunale a Rescaldina al nuovo regolamento delle consulte comunali, che segna la nascita della nuova Consulta Sport

comune rescaldina

Via libera all’unanimità in consiglio comunale a Rescaldina al nuovo regolamento delle consulte comunali, che segna un passo avanti nella semplificazione della burocrazia comunale e soprattutto fa da atto di nascita alla nuova Consulta Sport, finita nei mesi scorsi a più riprese al centro del dibattito politico cittadino.

«Si è trattato di un regolamento certamente tra i più complessi da realizzare, ma al tempo stesso anche uno dei più belli perché ha rappresentato un percorso partecipativo pieno – spiega l’assessore alla semplificazione, Gianluca Crugnola, soddisfatto per l’approvazione all’unanimità che rappresenta «una visione comune nella semplificazione e sul futuro dell’associazionismo cittadino, tassello imprescindibile e fondamentale nel tessuto sociale» -. La revisione dei regolamenti delle consulte rientrava infatti tra gli obiettivi di performance che la giunta assegna agli uffici comunali e a questo scopo era stata prevista l’approvazione di una prima bozza di giunta, che è stata ultimata nell’ultima seduta del 2020. Nei quattro mesi successivi ci sono stati diversi passaggi che hanno portato ad oltre trenta diverse versioni prima di arrivare al testo finale, che rappresenta un punto di equilibrio e di sintesi tra tutte le realtà coinvolte».

Il nuovo testo ha visto numerose modifiche sia per la Consulta Cultura, sia per la Consulta Sociale e una netta semplificazione per la Consulta Commercio, arrivate a valle di un percorso partecipato con le realtà coinvolte. Per quanto riguarda invece la “neonata” Consulta Sport che si metterà al lavoro con l’avvio del nuovo anno sportivo, il testo è stato condiviso con le associazioni e le società iscritte all’albo sport, alle quali è stato presentato un testo «essenziale» in modo da poter tener conto dei loro suggerimenti, che sono stati tutti accolti. E il risultato finale è un regolamento con una prima parte comune a tutte le consulte e singole sezioni che tengono poi conto delle caratteristiche peculiari di ognuno dei quattro organi.

Tra le principali novità la definizione di organi comuni a tutte le consulte, ovvero un presidente e l’assemblea e il consiglio per la sola Consulta Giovani – per la cui operatività era necessario mantenere il direttivo, dal momento che l’assemblea è composta di diritto da tutti i giovani -, la semplificazione delle procedure di elezione e insediamento del presidente e di svolgimento delle assemblee e la possibilità di convocare le sedute anche online. Nei limiti del possibile sono state anche unificate le procedure, ad esempio portando per la durata del mandato del presidente per tutte a tre anni, mantenendo però alcune caratteristiche specifiche come la vicepresidenza di diritto alla Pro Loco per la Consulta Cultura o la possibilità di nominare un segretario a discrezione del Presidente per la Consulta Sport. Il nuovo regolamento segna anche un confine netto tra politica e consulte: le cariche direttive, infatti, sono state rese incompatibili con gli incarichi amministrativi.

Esulta il Movimento 5 Stelle, sia per la nascita della Consulta Sport, sia per la separazione delle strade di politica e consulte, due punti che alle ultime amministrative rientravano nel programma dei pentastellati. «Eravamo l’unico gruppo politico che si era impegnato in maniera chiara su questi temi, a noi cari e a cui abbiamo lavorato dal primo momento in cui siamo entrati nel consiglio comunale – sottolinea il M5S -. Due traguardi importanti di cui siamo fieri e felici. Tante sono state le difficoltà da superare e i muri da abbattere, ma non ci siamo mai arresi. Un concreto passo avanti verso una maggior partecipazione e trasparenza, senza ingerenze politiche nella gestione del mondo associativo sociale, economico, culturale, giovanile e sportivo».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore