Quantcast

Più di 2.400 morti in un anno nel Legnanese, nei mesi della pandemia 40% in più di mortalità

Tra marzo e dicembre il numero dei morti nel Legnanese è cresciuto all'incirca del 40% rispetto a quello rilevato in media dal 2015 al 2019 nello stesso periodo

niguarda coronavirus

Quasi 2.500 decessi – per la precisione 2.436 – nel Legnanese nel 2020: 2.086 sono stati registrati tra marzo e dicembre, ovvero da quando la pandemia da Covid-19 ha iniziato a far sentire i suoi effetti anche nel nostro territorio. In quei dieci mesi il numero dei morti negli undici comuni della zona è cresciuto all’incirca del 40% rispetto a quello rilevato in media dal 2015 al 2019 nello stesso periodo. A “fotografare” la situazione è ancora una volta l’Istat, che venerdì 5 marzo ha pubblicato il quinto rapporto sulla mortalità 2020, realizzato insieme all’Istituto Superiore di Sanità.

In tutta la Città Metropolitana di Milano nel 2020 sono stati registrati 41.281 decessi, 10.076 in più di quelli rilevati in media tra il 2015 e il 2019. Secondo i dati forniti dal sistema di sorveglianza nazionale integrata Covid-19 dell’Istituto Superiore di Sanità, le morti riconducibili al coronavirus sono in tutto 7.509, ovvero poco meno del 75% rispetto alla crescita di mortalità registrata nella ex provincia.

Con l’aggiunta dei dati relativi al mese di dicembre, al netto di qualche aggiustamento ancora possibile nelle prossime settimane, il quadro si fa completo e per il Legnanese parla di due “picchi” di mortalità: uno tra marzo e aprile e uno, decisamente più rilevante, a novembre, ovvero nel mese più duro della seconda ondata della pandemia, che nel nostro territorio ha colpito con più violenza di quella primaverile: se è vero che il numero delle morti a novembre è aumentato in modo non dissimile da quanto successo in primavera, va infatti sottolineato che durante la seconda ondata della pandemia negli undici comuni della zona il numero dei casi di Covid-19 diagnosticati è stato molto più alto rispetto alla prima ondata.

Busto Garolfo

Dal 1° gennaio al 31 dicembre a Busto Garolfo si sono verificati in tutto 175 decessi: 13 a gennaio (-3%), 11 a febbraio (-28,6%), 16 a marzo (+17,6%), 23 ad aprile (+74,2%), 8 a maggio (-27,3%), 11 a giugno (-11,3%), 9 a luglio (-30,8%), 10 ad agosto (+42,9%), 7 a settembre (-36,4%), 21 ad ottobre (+78%), 36 a novembre (+221,4%) e 10 a dicembre (-12,3%).

Canegrate

Lo scorso anno a Canegrate sono stati 141 i decessi: 12 a gennaio, 11 a febbraio (+1,9%), 16 a marzo (+45,5%), 12 ad aprile (+46,3%), 11 a maggio (+41%), 6 a giugno (-34,8%), 12 a luglio (+15,4%), 11 ad agosto, 12 a settembre (+20%), 10 ad ottobre (+28,2%), 18 a novembre (+100%) e 10 a dicembre (+6,4%).

Cerro Maggiore

In tutto Cerro Maggiore da gennaio a dicembre ha registrato 233 decessi: 16 a gennaio (+1,3%), 15 a febbraio (+25%), 25 a marzo (+68,9), 43 ad aprile (+225,8%), 30 a maggio (+150%), 9 a giugno (-15,1%), 12 a luglio (-9,1%), 12 ad agosto (+3,4%), 12 a settembre (+5,3%), 13 ad ottobre (-4,4%), 23 a novembre (+79,7%) e 23 a dicembre (+71,6%).

Dairago

Tra il 1° gennaio e il 31 dicembre a Dairago sono stati rilevati 95 decessi: 4 a gennaio (-25,9%), 6 a febbraio (+15,4%), 10 a marzo (+212,5%), 8 ad aprile (+166,7%), 2 a maggio (-54,5%), 8 a giugno (+66,7%), 6 a luglio (+66,7%), 4 ad agosto (+5,3%), 5 a settembre (-13,8%), 7 ad ottobre (+66,7%), 12 a novembre (+566,7%) e 7 a dicembre (52,2%).

Legnano

In dodici mesi a Legnano i decessi sono stati 787: 50 a gennaio (-22,1%), 54 a febbraio (+0,4%), 103 a marzo (+105,2%), 105 ad aprile (+118,8%), 56 a maggio (+19,7%), 44 a giugno (-7,2%), 38 a luglio (-22,4%), 53 ad agosto (+5,6%), 44 a settembre (+10%), 60 ad ottobre (+27,1%), 106 a novembre (+124,6%) e 74 a dicembre (+16,4%).

Nerviano

Tra gennaio e dicembre a Nerviano si sono verificati 207 decessi: 18 a gennaio (-8,2%), 14 a febbraio (+7,7%), 19 a marzo (+10,5%), 17 ad aprile (+28,8%), 13 a maggio (+1,6%), 13 a giugno (+8,3%), 16 a luglio (+12,7%), 17 ad agosto (-2,3%), 12 a settembre (-21,1%), 22 ad ottobre (+46,7%), 29 a novembre (+133,9) e 17 a dicembre (+19,7%).

Parabiago

Da inizio gennaio e fine dicembre a Parabiago sono stati rilevati 349 decessi: 22 a gennaio (-24,1%), 19 a febbraio (-13,6), 33 a marzo (+60,2%), 46 ad aprile (+134,7%), 37 a maggio (+88,8%), 18 a giugno (-8,2%), 17 a luglio (-15,8%), 20 ad agosto (-3,8%), 21 a settembre (+8,2%), 36 ad ottobre (+80%), 44 a novembre (+147,2%) e 36 a dicembre (+40%).

Rescaldina

In dodici mesi a Rescaldina ci sono stati 190 decessi: 20 a gennaio (+29,9%), 13 a febbraio (+10,2%), 17 a marzo (+37,1%), 16 ad aprile (+60%), 15 a maggio (+29,3%), 16 a giugno (+45,5%), 15 a luglio (+36,4%), 13 ad agosto (+38,3%), 11 a settembre (+14,6%), 19 ad ottobre (86,3%), 24 a novembre (+144,9%) e 11 a dicembre (-12,7%).

San Giorgio su Legnano

A San Giorgio tra gennaio e dicembre i decessi sono stati 79: 4 a gennaio (-35,5%), 7 a febbraio, 12 a marzo (+87,5%), 9 ad aprile (+66,7%), 5 a maggio (-3,8%), 5 a giugno (+4,2%), 5 a luglio (+4,2%), 3 ad agosto (-21,1%), 4 a settembre (-44,4%), 7 ad ottobre (+12,9%), 10 a novembre (+51,5%) e 8 a dicembre (+66,7%).

San Vittore Olona

Da gennaio a dicembre a San Vittore si sono verificati 108 decessi: 7 a gennaio (-30%), 10 a febbraio (-16,7%), 12 a marzo (+93,5%), 17 ad aprile (+150%), 6 a maggio (+36,4%), 12 a giugno (+66,7%), 6 a luglio (-6,3%), 4 ad agosto (-28,6%), 8 a settembre (+14,3%), 5 ad ottobre (-19,4%), 14 a novembre (+112,1%) e 7 a dicembre (-16,7%).

Villa Cortese

In dodici mesi dell’anno a Villa Cortese i decessi sono stati 72: 7 a gennaio (+2,9%), 1 a febbraio (-86,8%), 11 a marzo (+61,8%), 11 ad aprile (+71,9%), 7 a maggio (+75%), 5 a giugno (-24,2), 6 a luglio (+30,4%), 2 ad agosto (-37,5%), 1 a settembre (-73,7%), 4 ad ottobre (-9,1%), 8 a novembre (+90,5%) e 9 a dicembre (+25%).

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 06 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore