Quantcast

Aule colorate, spazi gioco e ingresso separato nel futuro della scuola dell’infanzia di Rescalda

La riqualificazione, che deve ancora essere approvata dalla giunta, è finalizzata a mettere spazi adeguati a disposizione della scuola dell'infanzia di Rescalda

IC Manzoni Rescalda

Non c’è solo la corte della Torre Amigazzi sulla lista delle riqualificazioni nei piani di Rescaldina: procede a passi spediti anche il percorso progettuale per il restyling e l’ampliamento della scuola dell’infanzia di via Asilo. Il progetto di fattibilità, che nei giorni scorsi è stato presentato in commissione ma deve ancora essere approvato dalla giunta, prevede una spesa inferiore al milione di euro ed è finalizzato a mettere spazi adeguati a disposizione della sede distaccata dalla scuola Ferrario.

Scuola di via Asilo a Rescalda: nuovi spazi per la materna e una struttura multifunzionale

Messa a punto con il coinvolgimento della dirigente scolastica e di una rappresentanza dei docenti di materna e primaria e del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario, la riqualificazione punta sugli spazi già esistenti nel “piano giardino” e su piccoli ampliamenti mirati, grazie ai quali sarà possibile destinare un’ala ad hoc dello stabile con ingresso autonomo alla scuola dell’infanzia, pur mantenendo il collegamento interno con la scuola primaria. Ala in cui ci saranno un ingresso con zona filtro per il deposito dei passeggini, una sala comune, la mensa, un locale insegnanti con bagno e quattro sezioni per i piccoli studenti, ognuna con servizi igienici dedicati e con un accesso diretto al giardino e agli spazi di didattica all’aperto, che faranno anche da “parasole” e da schermo termico alle aule.

Ogni aula avrà un proprio colore e una propria forma, in modo da essere immediatamente riconoscibile per i bambini e sarà dotata di spazio relax, spazio gioco, grandi vetrate da cui sarà possibile accedere all’area esterna e altre più piccole pensate per essere ad “altezza occhi” dei giovanissimi studenti, che da lì potranno aprire il loro sguardo sul mondo fuori dall’aula. Le sezioni saranno inoltre divise a due a due da pareti mobili, soluzione pensata per agevolare lo scambio didattico. Ci saranno poi due spazi comuni, uno più grande e uno di dimensioni più piccole, destinati ai momenti di socializzazione

I lavori prevedono un restyling anche per l’ingresso alla scuola primaria, dove sarà realizzata una rampa che renderà accessibile l’entrata principale della scuola anche ai diversamente abili. La rampa costeggerà la parete della scuola e avrà come elemento caratteristico uno spazio espositivo che farà da vetrina agli studenti dando loro modo di raccontare il percorso didattico che vivono quotidianamente.

«Questo “nuovo” progetto di fattibilità è frutto di un percorso nato nella scorsa amministrazione, in continuità con l’attuale – spiegano l’assessore alle opere pubbliche Elena Terraneo e l’assessore all’istruzione Enrico Rudoni -. Il vecchio progetto, nato a seguito di un bando di Regione Lombardia che lo aveva ammesso e non finanziato, era diverso: si può dire che sia stato il precursore di quello attuale. L’esigenza contingente ora è dare spazi adeguati alla scuola dell’infanzia e si è quindi deciso di “ripartire” dando indirizzi al progetto adeguati ai tempi che stiamo vivendo, dove la bellezza dell’essenzialità vuol dire riqualificazione e armonia degli spazi».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore