Quantcast

Parabiago, nel 2020 743mila euro di sanzioni e quasi 7mila punti in meno sulle patenti

La Polizia Locale di Parabiago, oltre all'attività ordinaria, ha effettuato 6mila controlli per Covid e gestito 130mila telefonate di cittadini alla ricerca di informazioni

Celebrazioni per San Sebastiano a Parabiago

Quello concluso poche settimane fa è stato un anno di “straordinari” per la Polizia Locale di Parabiago, che insieme alle altre Forze dell’Ordine è stata impegnata in prima linea nel contrasto dell’emergenza coronavirus e proprio per questo è stata premiata dall’amministrazione in occasione della ricorrenza di San Sebastiano con una pergamena ad hoc.

Galleria fotografica

Celebrazioni per San Sebastiano a Parabiago 4 di 19

Basti pensare che da febbraio a dicembre il comando di via Mascagni ha ricevuto circa 130mila telefonate da cittadini alla ricerca di informazioni sulle disposizioni anti-Covid e sulle conseguenti limitazioni, ha controllato circa 6mila persone accertando 200 violazioni e ha effettuato 400 controlli “porta a porta” per verificare il rispetto della quarantena.

La pandemia non ha però fatto sconti agli agenti del comandante Maurizio Morelli che hanno comunque dovuto fare i conti con l’attività ordinaria.

SANZIONI – Nel 2020 la Polizia Locale di Parabiago ha rilevato e contestato 5.784 violazioni del codice della strada: 51 per l’RC auto, 137 per le revisioni, 62 per l’uso dello smartphone alla guida, 70 per guida senza cinture di sicurezza o dispositivi di ritenuta per bambini, 57 per l’uso irregolare dei parcheggi riservati ai disabili, 3 per guida senza patente, 15 per guida con patente scaduta, 1.576 per il mancato rispetto dei semafori, 2.785 per divieto di sosta, 136 per sorpassi irregolari, 4 per guida in stato di ebbrezza, 1 per guida sotto l’effetto di stupefacenti, 2 per allontanamento dopo un incidente con danni solamente agli oggetti e 4 per violazione dell’obbligo di fermarsi a soccorrere i feriti a seguito di un sinistro. Gli agenti hanno comminato inoltre 196 sanzioni per violazioni alle norme anti-Covid e 50 per violazione al regolamento di Polizia Urbana comunale.

Si parla in totale di 743mila euro di sanzioni amministrative, per le quali sono stati pagati 297mila euro, pari a circa il 40%, e 6.806 punti in meno sulle patenti. Le violazioni accertate dalla squadra del comandante Maurizio Morelli hanno portato anche a 47 sequestri amministrativi finalizzati alla confisca dei veicoli, a 8 fermi amministrativi e a 5 rimozioni forzate. Contro le sanzioni sono stati presentati 46 ricorsi.

INCIDENTI – In tutto lo scorso anno la Polizia locale di Parabiago ha rilevato 125 incidenti, con il coinvolgimento di 5 pedoni, 13 ciclisti, 2 motorini e 12 moto: 31 tamponamenti, 51 scontri frontali e laterali tra veicoli, 7 scontri frontali e 23 urti con mezzi in sosta o ostacoli fissi.

Tra le vie più “a rischio il Sempione (13 incidenti), via Butti (10 incidenti) e gli incroci tra via Cartesio e via Fermi, tra via Foscolo e via Regina Margherita, tra via Pontida e via Resegone, tra via Butti e via Lombardia e tra via Filarete e via De Gasperi (2 sinistri ciascuno).

Incidente mortale a Parabiago, deceduto un 20enne

Il maggior numero di feriti nei sinistri rientra nella fascia di età tra i 35 e i 65 anni, dove sono state rilevate 59 lesioni con prognosi inferiore a 20 giorni, 10 lesioni con prognosi tra i 20 e i 40 giorni, un caso di prognosi superiore ai 40 giorni e 5 casi in prognosi riservata. Sono 209, invece, gli illesi.

CONTROLLI AGLI ESERCIZI COMMERCIALI – Parola d’ordine Covid: la Polizia Locale di Parabiago, accanto ai “soliti” controlli agli esercizi commerciali cittadini, ha dovuto vigilare sul rispetto delle norme anti-Covid e in quest’ottica ha controllato 35 esercizi commerciali, riscontrando alcune «piccole violazioni». Nell’ambito di questi controlli è stato anche chiuso per cinque giorni un bar. Controllati anche un bar e un supermercato insieme all’ATS: a valle delle verifiche, il bar era stato chiuso fino all’adeguamento del locale alle normative sanitarie.

VEICOLI ABBANDONATI – Grazie al servizio, avviato a giugno 2019, lo scorso anno sono stati rimossi 10 veicoli abbandonati e 29 sono stati recuperati dai proprietari su segnalazione della Polizia Locale. Il costo di ogni smaltimento è comunque stato tutto sommato contenuto: 60 euro a veicolo, grazie alla disponibilità de “La Ravellese rottami”. Altri tre veicoli sono al momento in attesa di recupero.

ABUSI EDILIZI – Nel 2020 gli agenti di Parabiago hanno segnalato alla Procura della Repubblica 34 violazioni tra abusi edilizi sanati e non sanati. In tutto sono stati 50 i sopralluoghi effettuati, sia in autonomia che insieme all’ufficio tecnico comunale.

ANIMALI – In dodici mese sono stati recuperati e affidati al canile di Sedriano 13 cani che vagavano per la città e sono state effettuate 35 ispezioni domiciliari insieme ad un veterinario dell’ATS per verificare lo stato di salute degli animali, senza riscontrare violazioni.

POLIZIA GIUDIZIARIA – Negli ultimi 12 mesi la Polizia Locale di Parabiago ha effettuato 290 atti di Polizia Giudiziaria e segnalato 105 notizie di reato, spaziando dalle notifiche, alle indagini – sia di iniziativa che delegate -, dall’accertamento di violazioni penale da parte di ignoti o di persone note ai fermi per identificazione, dalle perizie documentali ad un arresto: operazioni per le quali è stato necessario lavorare a stretto contatto con l’autorità giudiziaria, rappresentata principalmente dal Tribunale di Busto Arsizio e dal Tribunale dei Minori di Milano.

In particolare, su iniziativa del comando di via Mascagni è stata effettuata un’operazione che ha permesso di individuare e segnalare all’autorità giudiziaria un uomo che spendeva banconote false, perquisendone l’auto e l’abitazione e sequestrando 700 euro.

Paga con una moneta falsa, denunciato 40enne

TRATTAMENTI E ACCERTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI – Sono in tutti 9 gli interventi effettuati dalla Polizia Locale nel 2020 per trattamenti e accertamenti sanitari obbligatori, alcuni dei quali «molto difficoltosi – come spiega lo stesso comando – in quanto eseguiti su soggetti non collaborativi o in situazioni abitative pericolose per gli operatori». Nella maggior parte dei casi trattamenti e accertamenti sanitari obbligatori vengono ripresi tramite l’utilizzo di una body cam per garantire la correttezza dell’operato degli agenti.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 25 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Celebrazioni per San Sebastiano a Parabiago 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore