Quantcast

«Troppo degrado nelle scuole», l’ opposizione di Nerviano non ci sta

Il gruppo Tutti per Nerviano si fa portavoce delle preoccupazioni dei genitori

Generico 2018

«Troppi i dubbi in merito al protocollo Covid che integra il Patto di Corresponsabilità e soprattutto troppa la preoccupazione rispetto allo stato di degrado in cui versano le nostre scuole». Così il gruppo Gruppo Tutti per Nerviano si fa portavoce delle preoccupazioni dei genitori che, «con una nota congiunta – dichiara l’opposizione .- i rappresentanti dei genitori che siedono nel Consiglio di Istituto della scuola media annunciano iniziative e ribadiscono con vigore la distanza per nulla colmata rispetto alle soluzioni adottate per la riapertura delle scuole». A pochi giorni dall’inizio della scuola era stato pubblicato un video (nella foto di copertina) con il quale due docenti denunciavano ritardi e sporcizia nella scuola media

Nerviano, a una settimana dalla ripartenza i prof denunciano ritardi e sporcizia nella scuola

«Su pressione delle opposizioni era stata convocata una commissione dove era stato chiamato un professionista a presentare il piano dei lavori quantificati in 5 milioni di euro; uno scenario più grave – ricorda il gruppo politico – è stato l’accantonamento del problema. Si tratta quindi di un fallimento annunciato quello a cui stiamo assistendo oggi in epoca COVID: il rimpallo vergognoso di responsabilità per le cose non fatte, l’affannosa ricerca di improbabili spazi aggiuntivi da parte dell’AC, i minorenni trasformati in facchini per liberare nuove aree, gli scantinati riconvertiti ad aule scolastiche e tutte le attività avviate all’ultimo minuto perché in tempi di smart working gli uffici sono “presidiati” solo a distanza…».

L’opposizione accusa anche l’amministrazione di essersi permessa «di rinunciare, per conclamata indisponibilità di idee, al bando da 70.000 euro stanziato grazie ai fondi strutturali europei per l’adeguamento delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria. Un bando la cui candidatura era sta stata presentata tardivamente (alla riapertura del bando fra i ritardatari spicca il Comune di Nerviano), che sembra sia più difficile perdere che ottenere vista la forte volontà di sostenere fattivamente la ripresa dell’attività scolastica dopo mesi di lockdown e di didattica a distanza. E’ esattamente quello che serve in emergenza senza gravare sulla fiscalità locale; una coincidenza imperdibile se non fosse che questi amministratori sono stati colti ancora una volta totalmente impreparati. Peccato siano gli stessi amministratori che dovranno “catturare” tutte le opportunità e la mole di fondi che nel prossimo futuro saranno messi a disposizione del Governo, delle Regioni e dei Comuni per sostenere l’economia e gli investimenti ma a Nerviano, si sa, “alcuni treni si chiamano “coincidenze” perché se riesci a prenderli è solo una coincidenza…”; in assenza d’altro non ci resta quindi che confidare almeno nella buona sorte».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 18 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore