Quantcast

Elezioni a Parabiago, il ministro Bonetti in piazza con +Parabiago Viva

Il ministro per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti ha incontrato i cittadini di Parabiago per sostenere la candidatura di Eleonora Pradal

Elezioni a Parabiago, il ministro Bonetti in piazza per Eleonora Pradal

+Parabiago Viva porta in città un pezzo da novanta per la campagna elettorale di Eleonora Pradal, candidata sindaco alle prossime elezioni amministrative: nella mattinata di sabato 12 settembre, infatti, nella centralissima piazza Maggiolini della città della calzatura a “tirare la volata” all’aspirante prima cittadina c’era il ministro per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, raggiunta a sorpresa anche dal senatore renziano Eugenio Comincini.

Galleria fotografica

Elezioni a Parabiago, il ministro Bonetti in piazza per Eleonora Pradal 4 di 10

«Credo che il tema della prossimità, della concretezza dei progetti che da qui iniziano, sia forse la sfida più bella che stiamo interpretando – è il messaggio lanciato alla piazza dal ministro Bonetti -. Italia Viva esiste da un anno e per la prima volta ci misuriamo con le elezioni. Qualcuno dice che ci misureremo con i numeri, io la vedo diversamente: credo che oggi, a distanza di un anno, sia il tempo della nostra maturità, ovvero della responsabilità di mettersi concretamente in gioco nel servizio alla comunità, non tanto per essere misurati sulla nostra proposta, ma per iniziare la concretezza della nostra proposta, che significa progettualità nei singoli comuni, intercettare le esperienze del vissuto quotidiano e anche osare un disegno complessivo per l’Italia che abbia un volto di paese e si traduca nella concretezza del vissuto comune per comune, quartiere per quartiere. Non siamo qui ad occupare degli spazi, non dobbiamo accontentarci di crearci uno spazio negli anfratti lasciati liberi dagli altri: noi lo spazio lo liberiamo, chiamando le persone ad una nuova versione di politica».

Elezioni a Parabiago, il ministro Bonetti in piazza per Eleonora Pradal

Anche Comincini, forte della sua esperienza di sindaco di Cernusco sul Naviglio, si è soffermato sul tema della progettualità. «La guida di una città è l’esperienza forse più bella per chi, appassionato di politica, si cimenta con questa dimensione – ha sottolineato il senatore -. Poter pensare e progettare una città sul lungo periodo credo che sia una delle sfide più difficili ma anche più appassionanti. Voi in questo momento siete impegnati in una dimensione elettrizzante sotto diversi punti di vista: non c’è soltanto il tema del voto, ma soprattutto quello di contribuire con le proprie idee, con il proprio supporto e con le proprie scommesse a migliorare la comunità nella quale si vive. Il mio augurio è quello di poter ottenere il miglior risultato possibile, di poter incidere con le nostre idee anche sul futuro della città di Parabiago»

La progettualità a Parabiago, nei piani della lista che sostiene Eleonora Pradal, riparte dalla famiglia, sulla scia di quello che il ministro Bonetti ha ricordato come uno dei più importanti risultati ottenuti da Italia Viva nel suo primo anno di vita, ovvero il Family Act. «Nel nostro programma prevediamo una politica a sostegno delle famiglie nel senso più ampio del termine – ha spiegato la candidata -, con provvedimenti che possano aiutare i giovani, una politica che sia fatta di tutela del lavoro femminile, un programma che sia fatto sulla corresponsabilità genitoriale. Tutti noi voglia delle famiglie più protagoniste, più ricche, più eque: lavoriamo insieme per questo obiettivo e partiamo da qui, da Parabiago, dall’amministrazione locale».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Settembre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Elezioni a Parabiago, il ministro Bonetti in piazza per Eleonora Pradal 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore