Star Wars: un film da 10 per emotività e nostalgia

Sbarca nelle nostre sale il nono film della saga creata da George Lucas

Sbarca nelle nostre sale il nono film della saga creata da George Lucas, Star Wars: l’ascesa di Skywalker e per gli amanti della saga è Natale.

Alla regia torna J.J. Abrams, già dietro la camera ne “Il risveglio della forza”, primo film dell’ultima trilogia. Se nel 2015 qualche critica se l’era dovuta beccare, con quest’ultima sembra aver riempito alcune lacune del passato.

 [pubblicita]      Questo nono episodio inizia con i consueti titoli di testa che ci preannunciano il ritorno di una nostra vecchia conoscenza, l’Imperatore Palpatine. Rey si sta addestrando per diventare un Jedi sotto l’occhio vigile del Generale Leila. Nel frattempo Kylo Ren è diventato il Leader Supremo dell’Impero. Sullo sfondo troviamo la Resistenza che si sta preparando per fermare la nuova, ennesima, minaccia.

Senz’altro il punto più debole della pellicola è la sceneggiatura. Praticamente abbiamo davanti l’ennesimo scontro fra buoni e cattivi, una manciata di ore per poter salvare la galassia. Anche questa volta “nulla di nuovo all’orizzonte”. Altra nota dolente è l’assenza di Carrie Fisher, la principessa Leia, venuta a mancare nel 2016. Le riprese del film sono avvenute nel 2018 e l’immagine del Generale è stata ricostruita in CGI. Le sue scene sono poche, risultano essere prive di patos e molto piatte. 

Passando agli aspetti positivi, questo film ha tante cose da dire. È una pellicola che doveva chiudere dei cerchi e lo fa in pompa magna. Vengono giocate tutte le carte rimaste nel mazzo e abbiamo anche qualche bella sorpresa. 

Su tutti il ritorno dell’Imperatore Palpatine, potentissimo Sith che non ne vuole sapere di lasciare in pace i nostri Jedi. Altra carta è Lando Calrissian, Nonostante l’età, viaggia ancora per lo spazio con il suo completo su misura extra large. Altro asso è la post produzione sia video che audio, un grande lavoro visivo e soprattutto grande effettistica audio con annessa colonna sonora, ma a questo la saga ci ha sempre abituati bene.

Ma è il rapporto che lega la nostra protagonista Rey e il cattivo Kylo Ren è il vero punto di forza di questo film. Non posso dirvi molto senza spoilerare, vi dico solo che è la parte più interessante, sia perché Adam Driver è un grande attore e lo dimostra ampiamente, sia perché la scelta tra il lato chiaro e lato oscuro non è mai stata cosi determinante per la sorte della nostra galassia. Loro sono i perfetti protagonisti per una scelta che cambierà la sorte di ogni cosa.

Personalmente sono rimasto molto soddisfatto, è un film che mi ha lasciato tanto. Non parlo di una pellicola scritta in maniera perfetta, non lo è e non credo che volesse esserlo, ma è un film che vuole raccontare la fine di un viaggio lungo tre capitoli, in cui c’è stata una staffetta importante tra il vecchio e il nuovo e lo fa in maniera tale da rispettare tutti i personaggi che hanno reso grande la saga. 

Se devo parlare di futuro, l’effetto nostalgia, che ammettiamolo ci ha mosso in massa per andare nelle sale, cessa di esistere. I nuovi protagonisti (Rey, Finn e Poe per dirne qualcuno) non sembrano, a mio giudizio, avere quel qualcosa in più per poter portare avanti la saga a grandi livelli come invece hanno fatto i loro predecessori. La fortuna della saga è stata proprio questa: personaggi carismatici, sia per il lato oscuro che per quello chiaro, a cui lo spettatore poteva affezionarsi. Anche se, forse, una bella sceneggiatura può dare nuova linfa, forse una definitiva crescita di quel talento di Rey nel suo percorso da Jedi definitivo. 

Infine consiglio di andarlo a vedere al cinema, un film cosi va gustato sul grande schermo. Consiglio il pellegrinaggio a Melzo al Cinema Arcadia. Vedere Star Wars nella sala Energia è un’esperienza incredibile che appaga lo spettatore al 100%. 

Che la forza sia con voi!

Voto: se dovessi valutare questo film per la potenza emotiva/nostalgica sarebbe 10 pieno. Ma non mi sento di dare più di 8.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 19 Dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore