Nuotatori del Carroccio: «Assordante il silenzio del Comune e di Amga Sport»

L'associazione sportiva è in attesa di capire quando potrà riprendere le attività in piscina a Legnano e Parabiago.

Nuotatori del Carroccio Legnano

Dopo essersi allenati a distanza durante l’emergenza Covid-19 i Nuotatori del Carroccio, attendono di capire quando potranno riprendere le attività in piscina. Un futuro incerto condiviso anche con altre società sportive come la Rari Nantes Legnano. «In questi giorni sulla stampa sono rimbalzate due notizie di prioritario interesse per i nuotatori legnanesi: la prima che è stato ripreso il progetto di ristrutturazione della piscina di via Gorizia, la seconda che in Lombardia gli impianti riapriranno a giugno – commenta il presidente Massimiliano Accardo -. In questo quadro resta però assordante il silenzio del Comune (proprietario dell’impianto di Legnano) e di Amga Sport, gestore delle piscine di Legnano e Parabiago».

Accardo non nasconde le sue preoccupazioni: «Non abbiamo idea di come sia il progetto di ristrutturazione né quando si avvierà, non sappiamo se aprirà la piscina estiva, né tanto meno con quali modalità, non sappiamo se nella stagione invernale si potrà usare solo l’impianto di Parabiago o anche Legnano».

In questo periodo di lockdown NDC non si è mai fermata: «Siamo stati a casa, ma abbiamo organizzato molte iniziative, sia per mantenerci in forma sia per tenere unita la squadra – spiega il presidente -. Sin dalla fine di febbraio il Team Tecnico coordinato da coach Falsitta ha continuato a garantire via web agli atleti 5 allenamenti alla settimana (workout funzionale e crossfit), cui nel weekend si sono aggiunti gli incontri a tema tenuti da professionisti sui vari aspetti dell’allenamento master, inclusa l’alimentazione e le patologie muscolari. Il team comunicazione ha realizzato 8 clip con protagonista la simpatica mascotte Vascotto (https://youtu.be/QQCQsSpr4RY), anche lui alle prese col gel disinfettante, i capelli indisciplinati, il tapis roulant e anche col sogno di una vacanza al mare».

Gli atleti sono stati coinvolti in 2 challenge #iorestoacasa: «Il primo interpretando fantasiosamente e “a secco” le loro specialità di apneisti o nuotatori – racconta Accardo -, mentre col secondo hanno virtualmente trascorso insieme il giorno di Pasqua in una ideale staffetta, in cui si passavano il caffè appena svegli, le uova di Pasqua o le fette di colomba, sempre uniti dalla passione e dall’amicizia anche se lontani (https://youtu.be/-KhFsWOABSA). Tutti noi dobbiamo convivere col Covid e tutte le attività produttive e sportive si stanno organizzando per ripartire nel rispetto delle regole ed è evidente che il nuoto necessita di un impianto: come utenti e come cittadini i Nuotatori del Carroccio chiedono che il Comune e Amga Sport forniscano le informazioni indispensabili per avviare veramente la fase 2».

di
Pubblicato il 20 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore