Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tosi di Presezzi: tempi ancora lunghi, troppo!

Tempi ancora troppo lunghi per la Franco Tosi: l'assessore Alpoggio è pronto a chiedere un altro incontro. A un mese di distanzaPresezzi, vale a dire la nuova proprietà della fabbrica, non ha ancora ricevuto risposte sull'ultima offerta presentata per l'acquisto dell'area in piazza Monumento.

Sembrava che la società brianzola e il commissario straordinario per la procedura fallimentare, Andrea Lolli, avessero trovato un punto d'incontro. Secondo indiscrezioni, infatti, l'ammontare dell'offerta risultava attorno tre milioni di euro, cifra allineata alle aspettative messe sul tavolo ministeriale durante l'ultimo incontro al Mise. Invece, qualcosa potrebbe non essere andato per il verso giusto e la preoccupazione tra lavoratori e i sindacati è sempre più evidente. 

A esprimere questo stato d'ansia è il sindacalista Mirco Rota della Fiom Nazionale, che ha seguito "l'odissea Tosi" sin dall'inizio. «È una situazione imbarazzante - afferma Rota -. Non è possibile far passare così tanto tempo. Una risposta a Presezzi va data». In maniera provocatoria il sindacalista ha poi aggiunto: «A questo punto ci si può solo chiedere se questo ulteriore momento di stallo sia provocato dalle lungaggini tipiche della burocrazia italiana. A meno che il commissario, per motivi oscuri, stia ostacolando il lieto fine... oppure il vero problema sta nella gestione ministeriale?». Eppure, Lolli dopo le festività di Pasqua aveva spiegato di essere in attesa «di poter valutare l'offerta di Presezzi».

A seguito della mossa decisa dall'azienda, che nel gennaio del 2017 aveva proposto un milione di euro per l'area, i legnanesi avevano iniziato a interpretare come segnali positivi alcuni interventi di manutenzione effettuati all'entrata posteriore della fabbrica, in via San Bernardino. Insomma, il finale sembrava ormai scritto: l'emissione del bando e l'acquisto entro l'estate della superficie pari a 70mila metri quadri (di cui 50mila coperti). Ad oggi, però, nulla di fatto. Per il momento resta misteriosa la causa di questo nuovo momento di stallo: il commissario Lolli non dà risposte, mentre Presezzi resta in attesa di novità e non rilascia dichiarazioni.

Tornano quindi a farsi strada le ipotesi che vedono il trasloco della fabbrica a Burago. L'ultima speranza arriva dall'assessore all'Urbanistica Gianluca Alpoggio, che non intende perdere quest'importante partita«Nell'ultimo incontro al Mise l'Amministrazione Comunale con Presezzi ha dimostrato massimo impegno per cercare di portare a casa il risultato - afferma con forza l'assessore - . Adesso attendiamo una risposta da Lolli che ha in mano la "palla". Probabilmente organizzeremo un incontro settimana prossima per cercare di sbloccare la situazione».

(Gea Somazzi)