Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Buti: definite le monte per domenica 21 gennaio

Foto ripresa da ilverrocchio.it


Tutto pronto a Buti per il Palio che apre le corse del 2018 in Italia. L'estrazione delle batterie avverrà domenica 14 gennaio e da lì le contrade avranno una settimana di tempo per fare ognuna le proprie considerazioni. Per il secondo anno verranno messi in pista mezzosangue ma, a differenza dell'edizione precedente, le contrade hanno avuto tutto il tempo necessario nella scelta delle accoppiate. I mezzosangue hanno "rivoluzionato" la festa che si snoda nella strada principale del paese.

Come riporta Eleonora Mainò sul ilverrocchio.it, i butesi potranno rivedere all'opera Alessandro Fiori, vincitore uscente e unico fantino di pista rimasto, che monterà Ribelle da Clodia di Massimiliano Narduzzi, nome noto a Legnano per le presenze sul verrocchio in qualità di mossiere. Ribelle è una delle punte di diamante uscita dall’allevamento ingaggiata da San Francesco, "a secco" dal 2010. 

I cavalli "da Clodia" spadroneggiano in questa edizione: in pista scenderà infatti anche Bomario, montato da Gavino Sanna per San Rocco. Un'accoppiata già presente lo scorso anno e che quindi presenta affinità ed esperienza. 

La Croce cercherà di bissare il successo del 2017 con Bonantonio da Clodia, montato da Michel Putzu, all’esordio nel Palio dei grandi, con il compito di riuscire a controllare le emozioni della "prima volta".

Ascensione, che non vince il Palio dal 2005, punta tutto su Di Stasio ed Umatilla, cavallina con cui Giovanni Atzeni ha conquistato nel 2017 la finale ad Asti. Di Stasio si gioca per il secondo anno una carta importante: una buona prestazione lo potrebbe portare di nuovo, dopo l'infortunio di agosto,  all’attenzione della provincia.

San Michele, ancora fresco possiamo dire di vittoria (2015), porta in pista Portorose, montato Adrian Topalli. Il fantino non si lascerà scappare l’occasione di mettersi in mostra e dare il massimo per trovare future conferme su Buti e in provincia. 

Pievania si presenterà invece con Matato della scuderia Coghe e Simone Fenu, giovane allenato da Carlo Sanna. Un cavallo esperto con un fantino giovane che potrebbe puntare alla vittoria finale. 

Infine San Nicolao sfodera la "carta" Sandro Gessa, storico fantino di Tanaro che monterà Unico de Aighenta. Sandro Gessa, dopo Asti, ha l’opportunità di misurarsi con un altro Palio, fuori dalla Sardegna. Un'accoppiata, quella con Unico, che al momento desta molta curiosità essendo un'incognita.

(Manuela Zoni)

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI