Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tutti in viaggio: "Oltre e un cielo in più"

Oltre e un cielo in più
di Luca Sciortino
ed. Sperling & Kupfer
€ 16,90


Quarantasette anni, un bel lavoro, tanti interessi, eppure qualcosa non va. Di fronte a una quotidianità svuotata, si fa strada il desiderio di un periodo sabbatico per riflettere e staccare: lasciare tutto e andare, senza tappe predefinite, per il puro gusto di viaggiare.

Partire è un attimo per il giornalista Luca Sciortino, con solo un bagaglio leggero e la sua macchina fotografica, in un lungo itinerario da Occidente a Oriente. Quattro mesi e oltre diecimila chilometri, seguendo un'unica regola: niente aerei, per vedere come cambiano i paesaggi, le culture e i popoli dalla Scozia al Giappone. Si affiderà ad autotrasportatori con l'autostop, prenderà piccoli treni sferraglianti e autubus stracolmi di persone e merce: una vera immersione nel mondo, quello vero, non quello delle guide turistiche.
I tetti dorati di Budapest lasciano posto a un'Ucraina ferita dalla guerra; la sconfinata pianura russa si apre sulle montagne del Tien Shan, dove i cacciatori si affidano ancora alle aquile. «This is Asia», gli dicono, e ogni posto, così radicalmente diverso, sembra ripeterlo: il tempo si ferma nei giorni dorati della Siberia, nel sogno accarezzato di una vita altra; nella steppa mongola, fra pastori nomadi, prendono corpo le sue paure ataviche; la Cina, sotto la superficie scintillante, si rivela un mondo contadino e brutale.
In questo libro - corredato da bellissime foto - Luca Sciortino racconta l'essenza di Paesi sfuggenti, nei quali si è immerso con sincera curiosità per scoprirne la natura più vera. E il modo migliore è quello di parlare con molte persone, dai professionisti alla gente più umile, senza nessuna preclusione, anzi con curiosità e pazienza.

In un’epoca in cui si viaggia molto in fretta, Sciortino eleogia la lentezza, vuole vedere le culture cambiare, capire i contesti, avere il senso del tutto, o come scrive, “vedere l’Asia cominciare”. E lungo la strada ritrova il senso profondo del viaggio: nell'incontro con realtà sconosciute, la sua stessa identità si sgretola e si ricostruisce, fino a restituirgli un altro sé e una nuova direzione.

Un diario di viaggio che è un diario dell'anima. Profondo e affascinante.

Amanda Colombo - Galleria del Libro