Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Scrittori in mostra, al Castello la "formula" per dare una svolta alla vita

Un'attrice non ancora famosa, con un lavoro difficile ma che le piace. Un amore che sulla carta è quello con la A maiuscola con Antoine. E una domanda: «Ma il "per sempre", in amore, esiste?». Parte da qui il "love tour" di sei mesi di Meredith lungo il quale si snoda "Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita", romanzo di Raphaelle Giordano protagonista lunedì 11 marzo al Castello di Legnano della rassegna letteraria "Scrittori in mostra".

Se state pensando al "classico" romanzo rosa, siete fuori strada. La storia di Meredith, infatti, nasce quasi da un paradosso, da quel «Ti amo e quindi ti lascio» che la spinge a fare una scelta dirompente: mettere tutto in stand by per sei mesi e partire per una tournée con la sua miglior amica Rose, per trovare le risposte a tutte le sue domande, tra una "trappola" e l'altra di Cupido.

In questo percorso - che Meredith affronta con "rigore scientifico", taccuino alla mano e schema ad hoc per valutare l'"amorability", ovvero la capacità di amare -, sono tre le voci che prendono per mano il lettore. Meredith stessa, quasi un moderno Candido di volteriana memoria, che esplora l'amore quasi da un punto di vista filosofico. Rose, giovane creola, mamma single, che incarna la ricerca dell'amore al tempo di internet. E Antoine, l'uomo attorno al quale ruota la vicenda, che deve imparare a convivere con la scelta di Meredith e la sostiene pur restando nell'ombra. A loro si affianca Romeo, brillante pappagallo, con il dono di capire i sentimenti delle persone.

Un gioco di specchi che vuol essere una "ricetta" per trovare «un allineamento profondo tra quello che siamo, le nostre qualità e il progetto di vita che abbiamo saputo mettere in campo»: una formula che non è uguale per tutti, e che porta «a trovare come in un diapason l’accordo con l’altro, che poi è la definizione dell’amore».

(Leda Mocchetti)

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI