Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Corse: Noi troppo poco cinici? Forse, più dotati di buon senso

Il dopo corsa e le polemiche per la caduta di fantini e cavalli meritano un paio di considerazioni anche da parte nostra.

La prima vuole essere un apprezzamento nei confronti del Centro Ippico La Stella, per l'organizzazione e per la capacità nell'aver saputo gestire un momento delicato.
Le corse successive alla seconda batteria, quella della caduta, sarebbero la conferma che il drammatico evento sia stato dovuto alla casualità. I fantini e i cavalli, infatti, non si sono risparmiati. Nessu "canterino", ma corse "vere". Fosse stata una pista inadatta, non si sarebbe potuto galoppare in quel modo.
Il Centro ippico La Stella è tra i più apprezzati sul territorio. Simona e Diego hanno il massimo rispetto dei cavalli a loro affidati. Sono eccellenti istruttori federali, come confermano i risultati degli  allievi sia nel dressage, che nel salto ostacoli. Anche in ambito di corse sono stati formidabili collaboratori del mondo ippico legnanese nell'assicurare ogni attenzione.

Il secondo pensiero ci coinvolge direttamente per la modalità con cui abbiamo gestito l'informazione. Sui social, i nostri servizi sono stati accusati di non essere stati "cinici" come hanno deciso di fare altre testate. Noi siamo sempre per la discrezione e il buon senso. Non abbiamo tagliato alcuna immagine della diretta, come ci è stato rimproverato. Abbiamo deciso piuttosto di non inquadrare uomini e animali a terra, senza sapere in quel momento quali fossero le loro condizioni di salute. Siamo rimasti sulla corsa.
Il giorno dopo la riunione, in F1 un meccanico della Ferrari, durante il gran premio, è rimasto colpito da una ruota. La regia internazionale della trasmissione non lo ha mai inquadrato. E' rimasta sulla corsa. Qualcuno si è forse lamentato di non aver visto la scena dell'investimento?
Per quanto riguarda la morte del cavallo, ne abbiamo dato notizia solo quando abbiamo avuto la conferma ufficiale. 

(Marco Tajè)