Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Una giovane architetto legnanese al Fuorisalone

È iniziato il Fuorisalone del mobile, l'insieme degli eventi diffusi a Milano e provincia, che avvengono in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile, un evento che richiama migliaia di visitatori da tutto il mondo, nella patria del grande design italiano. 

  La giovane architetto legnanese Diana Ranghetti, espone una linea di arredi luxury al Fuorisalone del mobile. Il design originale è ispirato al mondo del vino e della degustazione. «Mi sono ispirata al cerchio delle barrique di vino per il disegno della mia linea di tavoli, perché esprime la geometria iconica dell'infinito. Il vino è un elemento simbolico della vita, legato alla trasformazione del territorio e della natura per produrre un alimento che è anche un piacere. Allo stesso modo il design trasforma la materia per farne cultura e bellezza»

Diana Ranghetti, lavora per jdparchitects uno studio internazionale di architettura e fa parte di un network internazionale di giovani architetti, LegnatiMilano, con contatti in Cina, Svizzera e Libano, che sviluppa linee di design di alta qualità, con una grande attenzione alla sostenibilità ambientale e alla valorizzazione del lavoro artigianale. 

L’esposizione si svolge presso il Lambrate Design District al piano terra dello spazio espositivo invia Massimiano 25 a Milano, dal 8 al 14 aprile durante la Milano Design Week.