Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Polizia Locale: preso a Rho il ladro di ruspe per furti con “spaccata”

  • CRONACA / RHO
  • giovedì 28 novembre 2019
  • 1096 Letture

Bloccato un tentativo di furto di un escavatore e arrestato uno dei due ladri: è successo ieri, 27 novembre, grazie ad un agente della Polizia Locale di Rho, che, se pur fuori servizio, ha avvisato la Centrale Operativa del Comando, in quanto insospettito dallo strano movimento all’interno del cantiere edile di via Gran Sasso. I ladri erano giunti a bordo di un’autovettura di appoggio, avevano forzato la recinzione di cantiere e stavano trafugando un escavatore marca JBL di colore giallo di proprietà di una ditta del mantovano.

Sul posto però è subito intervenuta una pattuglia della Polizia Locale, che ha intercettato i ladri: uno alla guida del mezzo d’opera e l’altro a bordo di un veicolo, che lo stava seguendo, pronto a dare appoggio per dileguarsi. Gli agenti hanno fermato i due criminali, di cui quello alla guida dell’escavatore è stato subito protratto in arresto, mentre il complice è riuscito a dileguarsi a piedi nell’area boschiva al confine con Arese. L’arrestato è un nomade rumeno B.F. classe 1971, già per sua ammissione arrestato in Francia per reati contro il patrimonio, che è stato portato al carcere di San Vittore a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.           

Sono stati recuperati l’escavatore sottratto nel cantiere e l’autovettura Fiat Punto, poi sequestrata, che è risultata essere di proprietà di un altro nomade rumeno con altri 41 autoveicoli a lui intestati; nel porta bagagli sono stati rinvenuti numerosi attrezzi da scasso pesanti e una tanica di gasolio, in caso l’escavatore da rubare fosse a corto di carburante.

La tecnica criminale di ieri (stessa zona del rhodense, i riscontri d’orario dei tentativi di sottrazione dei mezzi d’opera, tutti avvenuti pomeriggio/sera) fa presupporre che gli autori siano i medesimi di almeno altri due tentativi di furto avvenuti a Rho e che facciano parte di una banda criminale dedita ai furti con “spaccata” attraverso l’utilizzo di tali mezzi pesanti.

Ad aprile la Polizia Locale di Rho era intervenuta in C.so Europa, dove è riuscita a recuperare un grosso escavatore; gli artefici del furto erano riusciti a fuggire, ma il grosso mezzo del valore di 100mila euro era stato recuperato dagli agenti. Una decina di giorni fa, si è verificata la stessa identica situazione in un cantiere edile di via Pirandello.

L’assessore regionale alla Sicurezza, Riccardo De Corato, ha espresso «riconoscenza ed apprezzamento alla Polizia locale di Rho per aver arrestato un nomade e mettere in fuga gli altri della banda, mentre tentavano di rubare un escavatore all'interno di un cantiere. Gli agenti hanno inoltre rinvenuto nella vettura dell’uomo altri attrezzi da scasso. L’auto, poi sequestrata, risulta intestata ad un altro nomade con altri 41 autoveicoli a lui intestati». De Corato, poi, ha annunciato che alla festa regionale della Polizia locale in occasione delle celebrazioni per il patrono, San Sebastiano, proporrà «una menzione per la Polizia locale di Rho. Si tratta dello stesso Comando che nei giorni scorsi, durante l’operazione 'Smart' ha sventato un furto in un supermercato».