Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ferragosto a Legnano, porte aperte alla mensa dei poveri

La mensa dei poveri della Casa della Carità di Legnano non chiude per ferie, nemmeno a Ferragosto. Come ogni anno i volontari della parrocchia indosseranno i grembiuli d'ordinanza per cucinare e servire piatti caldi a chi è più in difficoltà e non ha un posto dove trascorrere la giornata di festa. A tavola sono attese una settantina di ospiti, quelli che giornalmente bussano alle porte della mensa di via Santa Teresa, numero che il 15 di agosto potrebbe subire una leggere flessione in quanto alcune di queste persone potrebbe trovare ospitalità da parenti nel giorno di ferie. 

          Circa la metà dei commensali proviene dal territorio, mentre gli altri arrivano da fuori e sono prevalentemente extracomunitari, con una forte prevalenza di sudamericani e magrebini. Dal 2014 ad oggi sono stati distribuiti 1300 tesserini, introdotti come strumento per riconoscere le persone ospitate e tranne una flessione di utenti registrata negli anni 2017 e 2018, l'affluenza dei bisognosi, accomunati dall'assenza di lavoro, è sempre stata costante. 

«Assolutamente prezioso e indispensabile il lavoro dei volontari: una settantina - fa sapere il presidente Paolo Evalli - quelli che gravitano attorno alla mensa e che lavorano a turno, 7-8 al giorno, garantendo l'apertura della mensa tutti i giorni dell'anno, il cui numero non è mai sufficiente. Alla mensa sono inoltre sempre ben accetti generi alimentari, in particolare i prodotti in scatola o a lunga conservazione».