Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sicurezza integrata, siglato l'accordo tra Anci, Viminale e Regione

Individuare progetti e modalità operative volti alla promozione della sicurezza integrata: è questo l’oggetto dell’accordo siglato oggi in Prefettura a Milano dal Ministero dell’Interno, da Regione Lombardia e ANCI Lombardia, alla presenza del vicepremier Matteo Salvini.

«Con l’accordo sottoscritto si concretizza e si crea il quadro di riferimento per una importante collaborazione interistituzionale che ha l’obiettivo di migliorare la sicurezza nelle città - è il commento del presidente di ANCI Lombardia Virginio Brivio alla firma dell'accordo -. Nostro compito sarà quello di sintetizzare le diverse necessità di sicurezza dei Comuni e di monitorare le risorse economiche a disposizione». 

Quattro i punti principali dell’accordo: aggiornamento professionale, che prevede l'attivazione di progetti di aggiornamento professionale integrato del personale delle Forze di Polizia e della Polizia Locale; patti per l’attuazione della sicurezza urbana al fine di favorire lo sviluppo di azioni coordinate e condivise da attuare nell’ambito delle progettualità elaborate dagli enti locali, anche con ANCI Lombardia (le attività saranno volte a prevenire illeciti, promuovendo buone pratiche di trasparenza e legalità e, anche con il coinvolgimento delle associazioni di volontariato, potranno inoltre riguardare progetti di cittadinanza attiva per la promozione della sicurezza partecipata); scambio informativo tra le Polizie Locali e le Forze di Polizia, che prevede la sperimentazione di un sistema di raccordo con i sistemi informativi in uso alle Forze di Polizia e alle Polizie Locali al fine di rendere fruibile i sistemi informativi delle Polizie Locali con tutte le Prefetture della Lombardia, nonché con le Questure e ai Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza: interconnessione tra le sale operative delle Forze di Polizia e delle Polizie Locali nei capoluoghi di provincia per consentire maggiore tempestività negli interventi.

«Sul tema delle risorse economiche - ha aggiunto Brivio - c’è stato un segnale positivo riguardo le assunzioni di personale e finanziamenti delle tecnologie, all’interno dei Patti chiederemo comunque maggiori risorse sia a livello regionale che nazionale. Chiederemo inoltre la possibilità di consolidare nei Comuni di piccole e medie dimensioni le gestioni associate dei servizi senza necessariamente ricorrere alle fusioni degli enti, un punto fondamentale al fine di trattare i dati e costituire le modalità operative previste dall’accordo».

«Per ANCI Lombardia - ha concluso Brivio - si tratta di un accordo importante che ci permette di valorizzare le risorse umane impegnate nella sicurezza delle città grazie a specifici progetti e programmi di formazione e aggiornamento professionale. Le risorse umane sono fondamentali ma anche le tecnologie hanno un ruolo davvero importante, ecco perché anche i progetti che riguardano l’interconnessione e la collaborazione saranno fondamentali per migliorare la sicurezza».