Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rescaldina, al via i lavori di ristrutturazione alla Cascina Pagana

Al via la riqualficazione della Chiesa di San Giuseppe e della Cascina Pagana a Rescaldina. Sono iniziati venerdì 15 marzo i lavori di ristrutturazione che "rimetteranno a nuovo" l'area, luogo simbolo della frazione del paese, grazie ai fondi ottenuti attraverso il progetto "Integration Machine": proposta "targata" Legnano, Rescaldina e Castano Primo che rientra tra quelle del "Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie" per il quale la Città Metropolitana è risultata tra i vincitori del bando periferie promosso da Palazzo Chigi nel 2016

«É un sogno che si avvera - commenta il sindaco Michele Cattaneo -. Quello che è partito oggi è un progetto che permetterà il recupero di un immobile che fa parte della storia di Rescalda, valorizzando il patrimonio storico-artistico del paese e contemporaneamente aiutando persone e famiglie fragili. Insomma, il risultato sarà un progetto sociale messo a segno tramite un'operazione di rigenerazione urbana. Il mio grazie va ai miei assessori Marianna Laino e Daniel Schiesaro, che hanno seguito direttamente il progetto, a tutta la giunta, al gruppo Vivere Rescaldina, a tutti i cittadini che hanno sempre creduto che questo sogno potesse realizzarsi e a Città Metropolitana».

Il progetto presentato dai tre comuni aveva come obiettivo la riqualificazione delle periferie dell’Alto Milanese attraverso una "macchina per l’integrazione" che, a partire dalla riqualificazione di tre edifici - uno per ciascuno dei tre comuni - innescasse un processo di inclusione sociale. Per il paese guidato da Michele Cattaneo, la riqualificazione edilizia prevista è proprio quella della "Cascina Pagana": una porzione di un complesso monastico risalente al 18° secolo di proprietà della Parrocchia di SS. Maria Assunta, costituita da una piccola chiesa e da due appartamenti ad essa attigui. Il progetto prevede anche una convenzione con tra Comune di Rescaldina e Parrocchia per l'utilizzo congiunto degli spazi: la chiesa come luogo adatto per mostre, concerti, conferenze e momenti religiosi, gli appartamenti come luoghi di accoglienza temporanea per situazioni di disagio.

I lavori, la cui durata sarà all'incirca di un anno, prevedono un costo totale di 634mila euro: somma  finanziata per 442mila euro grazie ai fondi del bando e per il restante 30% dalla Parrocchia di S. Maria Assunta.

«Ancora una volta, la dimostrazione che la rigenerazione di un'area degradata può e deve andare di pari passo con la rigenerazione sociale - sottolinea l'assessore al territorio Marianna Laino -. Il finanziamento ottenuto grazie al progetto "Integration Machine" permetterà uno sviluppo a 360 gradi della comunità, ridando il cuore ad una comunità e mettendo degli spazi a disposizione di esigenze sociali».

«Dai cittadini era arrivata la richiesta di un intervento per restituire alla collettività un patrimonio storico del paese - le fa eco l'assessore ai lavori pubblici Daniel Schiesaro -, con il quale la cittadinanza ha un legame forte, e abbiamo mantenuto l'impegno. Restituiremo "bellezza" a Rescaldina e, contemporaneamente, aiuteremo persone in difficoltà».

(Leda Mocchetti)