Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

1,4 milioni di euro a Pogliano per la prevenzione dell'inquinamento ambientale

Oltre tre milioni di euro per la prevenzione del rischio ambientale e il finanziamento maggiore, 1,4 milioni di euro, andrà a Pogliano Milanese. Lo stanziamento è stato deciso dalla Regione Lombardia:  "Un altro intervento importante - ha detto l'assessore all'Ambiente e clima, Raffaele Cattaneo - è quello relativo alla prevenzione della contaminazione dovuta alla presenza di rifiuti al fine di evitare il verificarsi di fenomeni di pericolo ambientale e di inquinamento. Spesso le maggiori criticità ambientali riguardano la tipologia di materiale, la rimozione, il conferimento e la necessità di presidi strutturali. Con questo provvedimento che interessa quattro aree specifiche del territorio Regione Lombardia interviene per superare rischi dovuti alla presenza di rifiuti e per la messa in sicurezza".

La legge regionale 26 del 2003 è volta a prevenire il rischio del verificarsi di fenomeni di inquinamento ambientale e ad affrontare le emergenze sanitarie o di igiene pubblica derivanti dall'attività di gestione di rifiuti in esercizio, nonché cessate o non autorizzate. Prevede che nel caso di accertata inottemperanza del gestore dell'impianto in esercizio il provvedimento d'ufficio per l'attuazione delle misure di prevenzione e precauzione necessarie per minimizzare il rischio di contaminazione sia adottato dalla Regione o dalle Province, quali enti competenti all'esercizio delle funzioni amministrative sugli impianti di gestione rifiuti. Per impianti cessati, non autorizzati o fattispecie non riconducibile agli impianti in esercizio, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale. In entrambe le fattispecie di impianti in esercizio o cessati/non autorizzati, gli interventi sono finanziati dalla Regione.  Con questa delibera si approva il programma annuale di intervento per l'attuazione delle misure di prevenzione connesse ad attività di gestione dei rifiuti per l'anno 2018, sulla base delle istanze pervenute e dell'istruttoria svolta per la valutazione dei criteri.

Ed ecco i destinatari dei 3.3 milioni di euro per la prevenzione di fenomeni di inquinamento ambientale (suolo e acque) e risoluzione di criticità derivanti da gestione rifiuti (attività cessate, non autorizzate): 1,4 milioni a Pogliano Milanese, 593.000 euro a Vizzolo Pedrabissi, 230.000 euro a Redavalle (PV) e 1,1 milione a Voghera (PV).  Nel marxo diq eust'anno erano state sequestrate a Pogliano tre ditte di gestione rifiuti per rischio incendi e inquinamento ambientale. I tre titolari avevano infatti cominciato ad ammucchiare rifiuti di ogni specie e tipologia ed erano infine stati scoperti dai carabinieri del Nipaf ai quali la situazione sospetta era stata segnalata dai cittadini