Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Trasporto Pubblico Locale: sindaci in Città Metropolitana

Si incontrano oggi alle 15, a Palazzo Isimbardi, sede della Città metropolitana di Milano in via Vivaio 1, i sindaci del territorio per discutere della situazione del Trasporto Pubblico Locale.

All’incontro parteciperanno anche la delegata ai trasporti, nonché sindaco di Cinisello Balsamo, Siria Trezzi e la vicesindaca della Città metropolitana di Milano, Arianna Censi.

In merito alla situazione del TPL di seguito una nota della vicesindaca Censi.

Ancora una volta voglio sottolineare come la Regione Lombardia non abbia garantito le risorse sufficienti affinché l’Agenzia sul Trasporto pubblico locale possa operare senza tagli alle corse. Mi auguro che dall’incontro di domani sul TPL possa emergere qualcosa di concreto.
Il sistema del trasporto pubblico in aree complesse come sono quelle metropolitane è uno degli indicatori più importati nel definire la competitività e lo sviluppo di un’area. Le persone si spostano per lavorare, direi per vivere, e dalla qualità e dall’efficienza del sistema di trasporto pubblico è possibile valutare la qualità e l’efficienza di un’area metropolitana.
Un’area metropolitana, quella milanese, che ha diritto ad un sistema pubblico di trasporto efficiente e moderno. Non è solo una questione tecnica, non riguarda solo lo spostarsi sul territorio, ma è uno dei tratti più “visibili” di democrazia, di sicurezza, di giustizia sociale (se si tagliano le corse festive come faranno i lavoratori e le lavoratrici in quei giorni?) che riguarda tutti.
E tutto questo ha bisogno della Città metropolitana. Una Città metropolitana efficiente, che pianifica, gestisce e governa il trasporto pubblico locale. Dotata di risorse e capace di prendere decisioni e pianificare strategie per il bene del territorio, per lo sviluppo e la crescita. In accordo con i Comuni, le imprese e i portatori d’interesse”.