Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nerviano, sì a bilancio e triennale opere pubbliche

Nerviano approva il bilancio di previsione 2019-2021 e il programma triennale delle opere pubbliche. Il via libera è arrivato dal consiglio comunale di ieri sera, giovedì 20. Entrambi i provvedimenti hanno incassato il solo sì della maggioranza.

BILANCIO DI PREVISIONE 2019-2021

Entrate correnti per 12milioni 550mila euro, di cui il 95% arriva da imposte dei cittadini. E' con questi numeri che l'assessore alla partita Alba Airaghi ha introdotto la discussione sul bilancio di previsione 2019-2021. Una soddisfazione, per Airaghi, è quella di essere riuscita a esaurire tutte le richieste arrivate dagli uffici comunali con il budget a disposizione. La maggior parte delle spese è investita nel piano socio assistenziale (circa 2,7 milioni), stipendi dei dipendenti e piano diritto allo studio (2 milioni).

Dai banchi dell'opposizione Daniela Colombo, Tutti per Nerviano, ha attaccato la giunta criticando ancora una volta la mancanza di programmazione. «Spendere male i soldi del cittadino è la cosa peggiore che si possa fare - ha affermato la consigliera Colombo -. La mia è una posizione critica. Ci sono elementi che andrebbero presidiati in maniera differente». E critico è stato anche il capogruppo di Nerviano in Comune Enrico Fontana. Il consigliere ha annunciato il suo voto contrario in quanto il documento è una scelta politica, non condivisa da NIC.

PROGRAMMA OPERE PUBBLICHE

Nel triennio 2019 - 2021, anno per anno, il Comune di Nerviano prevede di investire in lavori pubblici 1 milione e 83 mila euro nel 2019 e 600mila sia nel 2020 che nel 2021. Lo ha fatto sapere l'assessore alla partita Nazzareno Rimondi.

Critico il consigliere di minoranza Sergio Parini (Scossa Civica), soprattutto su come si è deciso di gestire gli interventi agli impianti sportivi di Villanova e Re Cecconi. «Con più accortezza - ha sostenuto Parini -, questo spazio finanziario  poteva essere usato nel 2018 per l'appalto strade». L'assessore Rimondi, però, ha difeso la sua scelta e l'ha definita una sfida che spera di vincere.