Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Verifiche sulla piscina, Alpoggio: "Nessun finanziamento a bilancio 2017"

(m. tajè) - Se davvero sapevano i problemi dell'impianto natatorio al coperto e avevano pensato di destinare un finanziamento per i lavori di verifica, perchè invece hanno speso 1 milione di euro per la piscina all'aperto? La domanda viene posta dall'ex assessore all'Urbanistica, Gianluca Alpoggio, in una replica al comunicato del PD in cui la Giunta Fratus viene criticata per essersi dimenticata delle opere necessarie a sistemare la struttura di viale Gorizia.
Non solo, Alpoggio nega che quel finanziamento sia stato mai inserito a bilancio e, a sua volta, parte al contrattacco, invocando, soprattutto in questa fase preelettorale, la necessità di "ricomporre i toni e cominciare a fare sana politica. Ma a Legnano pare ormai che il leitmotiv di tutti i rappresentati politici sia solo l’insulto e la cagnara. E non fa bene a nessuno. Men che meno alla città", sopratutto perchè, prosegue l'ex assessore, la cttà ha bisogno "di ricevere il regalo di cui ha bisogno: un Sindaco capace, disponibile, umile e con giudizio. E fidatevi che ad oggi, visto il panorama politico locale, non è per nulla scontato".

Leggo con stupore le critiche e gli insulti mossi dal PD legnanese verso l’amministrazione leghista in riferimento alla questione della piscina. illazioni a cui mi è impossibile non rispondere.

Nel bilancio di previsione approvato con delibera di CC n.39 del 2017 dall’allora giunta Centinaio, né in seguenti variazioni si riscontra la somma dichiarata con specifica destinazione per le verifiche della piscina. Ammesso anche che possa essere una svista dello scrivente, mi chiedo però come mai, visto che la criticità era così cogente (ma viene fuori solo oggi), abbiano invece preferito spendere milioni di euro per l’impianto esterno e non abbiano dato priorità all’edificio della piscina ed alla sua manutenzione. E dove sono stati in questi due anni? Quali emendamenti ai bilanci dell'amministrazione leghista hanno presentato? Nessuno. Senza contare che il loro piano di risanamento di Amga Sport non pare sia stato efficace. E chi pensate abbia pagato queste scelte?

Sembra però che la priorità sia incolpare e lavarsene le mani. In realtà è bene ogni tanto, per tutti, avere il coraggio di fare un passo indietro. Il punto è che il problema oggi della piscina è che l’utenza sta subendo un disagio non indifferente e vi sono diverse incertezze. E non è con i 137mila euro stanziati (circa 7% del totale  necessario confrontati con i 2milioni totali disposti nel triennale per la messa in sicurezza) che si risolve il problema. Va trovata una soluzione efficace, e non solo per la struttura.

La scorsa amministrazione a guida leghista ha stanziato e speso diversi milioni per le verifiche strutturali degli edifici, delle infrastrutture viarie, per il rifacimento dei plessi sportivi e la manutenzione strade.

E chi pensate si sia mosso per dare alla Ponzella la riqualificazione che da venticinque anni aspettava?

Sarebbe quindi bene ricomporre i toni e cominciare a fare sana politica. Ma a Legnano pare ormai che il leitmotiv di tutti i rappresentati politici sia solo l’insulto e la cagnara. E non fa bene a nessuno. Men che meno alla città.

Osservando in questi giorni la città che si illumina e si prepara al Santo Natale, con il tradizionale calendario dell’Avvento in piazza San Magno, da inguaribile romantico quale sono le auguro di ricevere il regalo di cui ha bisogno: un Sindaco capace, disponibile, umile e con giudizio.

E fidatevi che ad oggi, visto il panorama politico locale, non è per nulla scontato.

Gianluca Alpoggio