Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

«Un fronte civico legnanese», minoranze e dissidenti già pronti per le elezioni

«Un fronte civico legnanese», minoranze e dissidenti già pronti per le elezioni.

L’appello è stato lanciato da Daniele Berti dalla Sala blu del Welcome Hotel, affollatissima per la serata promossa dal M5S per spiegare le ragioni del comportamento politico tenuto dall'opposizione, dagli ex assessori Franco Colombo e Laura Venturini, dai due ex consiglieri leghisti Federica Farina e Antonio Guarnieri, quest'ultimo nella carica di presidente del consiglio comunale.

     «Dobbiamo compattare un fronte legnanese civico». Non è ancora caduta la giunta Fratus, appesa a un filo senza maggioranza, che i consiglieri e assessori dimissionari sono già pronti per le prossime elezioni. L’invito «a non fare gli stessi errori fatto nel 2017 dividendosi in 6 candidati sindaci e a lasciare fuori gli affaristi» è stato lanciato da Daniele Berti, appunto, il solo ad affrontare con ottica futura l'attuale vicenda.

Buoni propositi che, tuttavia, si scontrano con qualche mal di pancia comunque presente nella coalizione, come hanno dimostrato l'altro giorno i post critici di Stefano Quaglia verso chi avrebbe voluto tenerlo lontano da questo incontro e il finale dedicato dallo stesso Berti al M5S, dal quale, per sua ammissione, si era allontanato, perchè non rispettava i propri principi e inseguiva altri interessi. Intervento che ha fatto rumoreggiare parte del pubblico. Botta e risposta, infine, tra uno spettatore e il duo Colombo - Guarnieri: «Inutile fare questa pagliacciata - la provocazione lanciata dalla sala- Con questa Giunta , sapevate che sarebbe finita così. Quindi, perché non avete lasciato prima?». «Perché avevamo il dovere di provarci», la risposta della coppia, negando qualsiasi interesse personale alla base della decisione presa.

Moderati dal consigliere pentastellato Andrea Grattarola, che la mattinata della consegna delle dimissioni è stato combattuto fino all'ultimo se lasciare o meno il consiglio, i “dissidenti” si sono tolti non pochi  sassolini dalle scarpe. A partire dall’ex assessore alla cultura Franco Colombo che in conferenza stampa aveva parlato di “motivazioni personali”  nel lasciare la carica e poi invece ha spiegato i reali motivi della sua dimissioni: la lettera «firmata dai consiglieri leghisti contrari alla nomina di Chiara Lazzarini come assessore» e il mancato coinvolgimento nella creazione della fondazione cultura, motivo per cui «ho stracciato la tessera della Lega». Durissimo l'attacco all'ex amico Fratus, definito: «l'uomo più indeciso al mondo. Non so proprio nemmeno come abbia potuto sposarsi. Anche di fronte alla pronuncia del sì, chissà quanta indecisione!".

      Dopo di lui Laura Venturini ha ribadito di aver lavorato fino all'ultimo giorno nonostante le perplessità sulla possibilità di affidare ad Amga la riqualificazione dell'impianto di illuminazione pubblica, la «progressiva esclusione» dai lavori relativi al restyling della ZTL, e l’isolamento in cui è stata lasciata per il "gran rifiuto" di lasciare la poltrona alla coordinatrice di Forza Italia, Chiara Lazzarini.

Uno alla volta i dimissionari hanno contestato la giunta di mancato ascolto e democrazia ricostruendo (senza contraddittorio) quanto accaduto in consiglio comunale dalla nomina come assessore alle opere pubbliche di Chiara Lazzarini, nei confronti della quale è stata presentata una mozione di sfiducia 

L'ex consigliere Stefano Quaglia ha quindi ricordato il caso Quarto, comune commissariato con un caso di dimissioni non contestuali simile a quello legnanese. E mentre il prefetto deve ancora comunicare la sua decisione, la serata è stata chiusa con una domanda: «Voi avreste continuato a governare la città o vi sareste dimessi per dignità? Questa è una domanda che lasciamo a voi». 

Marco Tajè con la collaborazione di Valeria Arini

Immagini di Antonio Emanuele Pasquale


Di seguito la diretta Facebook a cura del gruppo "Legnano al voto".