Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Travagliata ma è arrivata: Justice League

Dopo un film Marvel rieccomi a recensire un altro film in chiave eroica. Questa volta però targato DC Comics.

La Justice League, la lega di super eroi più forte che il mondo dei fumetti può offrire.

Devo ammettere che aspettavo questo film con molto entusiasmo, ma non tutto ciò che luccica è oro.

La trama è ancora una volta semplice: un temibile cattivone all’orizzonte, Batman vuole difendere il mondo, orfano di Superman (deceduto in “Batman V Superman”). Da solo però non ce la può fare. Ecco così in suo soccorso i rinforzi, Wonder Woman, Flash, Aquaman e Cyborg. Riusciranno a sconfiggere il nemico? So che sapete già la risposta.

Ma voi penserete: “Si J.J., ma non puoi credere che in un film vince il cattivo e i buoni perdono!” Vero, ma c’è modo e modo di sconfiggere un malvagio. Dopo la delusione per la villain di Thor, anche in questo film ci troviamo di fronte un Steppenwolf, interpretato da Ciarán Hinds, che si ritrova a perdere in men che non si dica senza mettere mai veramente in difficoltà i nostri supereroi. Ci vogliono cattivi più forti... eh si, perché no, ogni tanto anche i buoni non perdono?

Il film ha avuto molte difficoltà. L’abbandono dal progetto del regista Zack Snyder è stato l’apice. Un punto forte della pellicola è sicuramente l’introduzione di nuovi personaggi. Non saranno certo due battute divertenti a far dimenticare la mancanza d’approfondimento dei nuovi innesti e di un finale piuttosto banale.

Nonostante tutto ho apprezzato molto l’umanità dei personaggi, non sono invincibili o immortali e loro lo sanno. Questo aspetto perdura per tutta la durata del film, non abbiamo personaggi che da un momento all’altro sono in grado di compiere imprese fino a poco prima impensabili. Parlo di quei upgrade casuali senza senso logico e punto il dito verso Marvel. Non è un difetto, sia chiaro, la politica Marveliana, ma apprezzo il lavoro targato DC nel voler rimanere il più umano possibile.

Sarò un nostalgico, tuttavia è veramente lontano quel mondo Noliano con toni da film da cineteca, peccato.

Ma poi alla fine Superman c’è o non c’è? Lascio a voi la sorpresa, andate a vedere il film!

(J.J. Bustamante)