Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Blitz leghista in Comune contro i profughi ad Expo

Blitz in Comune, martedì 22, a Rho. "Vergogna! Area Expo: polo universitario, no posti letto per clandestini!". Con questo e altri slogan la Lega Nord del Ticino ha voluto manifestare tutto il suo dissenso riguardo la decisione del prefetto di Milano di ospitare un centinaio di profughi nel campo base di Expo, in via De Gasperi a Mazzo di Rho (qui il link).

I militanti del Carroccio hanno prima presidiato il municipio e poi hanno fatto irruzione nella sala riunioni del palazzo comunale. "Siamo entrati durante la commissione Expo convocata solamente per apportare alcune modifiche allo statuto di Arexpo - spiega il consigliere comunale di Rho Simone Giudici - ci siamo presentati perché il Comune ignorava di informarci della questione e abbiamo chiesto subito al sindaco di parlarne in quanto seriamente preoccupati per la sicurezza dei rhodensi. Già il non averci informato repentinamente e sapere le cose da tv e giornali la dice lunga".

"Rho ha subito l'Expo in tutte le sue forme, senza alcun beneficio per la nostra città - prosegue Giudici - e ora arriva questa doccia fredda fatta senza tenere in considerazione il territorio". Il consigliere Giudici riferisce di aver già protocollato una mozione urgente per il prossimo consiglio comunale. "Nel frattempo - conclude il leghista - abbiamo chiesto al sindaco pattugliamenti e la polizia locale ad Expo 24 ore su 24".

Leggi anche:

- Migranti ad Expo: politic pro e contro

(Chiara Lazzati)