Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



A fine gennaio Presezzi deciderà se restare in città

  • LEGNANO
  • venerdì 06 gennaio 2017
  • 1049 Letture

A fine gennaio si saprà se la Tosi rimarrà in Piazza Monumento a Legnano. A confermarlo oggi, giovedì 5 gennaio, è Alberto Presezzi titolare della storica fabbrica di turbine (nella foto con la moglie). 

Durante le festività i lavoratori non si sono fermati. Come ha precisato l'ottimista Presezzi anche lunedì 26 dicembre i dipendenti si sono messi all'opera per terminare una macchina. «Una dimostrazione di forte appartenenza e fiducia verso il futuro».

Sono passati due mesi abbondanti dall'ultimo incontro tra i dirigenti brianzoli e le rappresentanze del Mise per chiedere un supporto al Governo così da poter mantenere la Tosi in città.

Da Roma, però, non sono arrivate risposte. Da qui si sono susseguite una serie di domande formulate dai sindacati e lavoratori sul futuro della ditta. Intanto, giovedì 12 gennaio, si terrà un incontro tra la proprietà e i sindacati clicca qui per il servizio

Prima della scadenza dei termini per disdire l'affittanza, i Presezzi esprimeranno la loro decisione finale. Una scelta, quest'ultima, che  Legnano sta attendendo con ansia «La Tosi interessa ai legnanesi, basta ascoltare la piazza o le chiacchiere nei bar: i cittadini parlano della fabbrica - spiegano gli esponenti delle Rsu Diego Colombo e Maurizio Buson -. Presezzi si dimostra, tutt'oggi, molto ottimista. La Tosi è ripartita alla grande, non è da tutti. Quest'anno abbiamo preso la tredicesima piena e abbiamo creato prodotti di ottima qualità: macchinari innovativi. È una svolta storica per la Tosi, abbiano fatto salti in avanti, non c'è dubbio. Noi lavoratori vorremmo restare a Legnano, tutto qua».

(Gea Somazzi)