Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Legnano Futura", Berti è già in campagna elettorale

Una nuova lista civica si affaccia sul panorama politico legnanese. "Legnano Futura", fondata dall'ex consigliere pentastellato Daniele Berti, si prepara per le amministrative 2017 con un  programma provvisorio in tre punti: un candidato sindaco donna (ancora da identificare), una lista civica senza ingerenze politiche ed una squadra di governo coesa.

«Chi si candiderà, dovrà credere al lavoro per la città di Legnano e non per fare curriculum» - sostiene Berti - «L'auspicio è che tutti i candidati capiscano quanto sia importante togliersi i legacci della vecchia politica per amministrare il bene comune, ognuno dovrà mettere la propria faccia senza nascondersi dietro un simbolo».

Di seguito l'intero post ripreso dal blog di Daniele Berti.


Dai, è inutile girarci intorno, il 2015 è alle porte, il nostro Paese è li in attesa di un miracolo, e se dall'Alpe a Sicilia dovunque è Legnano, bene, partiamo da qui, partiamo da uno degli oltre 8000 comuni dello stivale...

Bene, primo obiettivo, non prioritario ma 'molto significativo' per una svolta come si deve: trovare per il 2017 un sindaco donna per Legnano.

Secondo obiettivo: fuori dalle scatole i partiti, primo tra tutti quello del premier, Legnano dovrà avere il futuro SINDACA sostenuto da una o due Liste Civiche vere, che siano l'espressione del territorio, non delle telefonate dei presidenti provinciali, regionali, nazionali, Legnano saprà amministrarsi coi propri concittadini, senza ingerenze esterne.

Terzo obiettivo: per la prima volta, sindaco donna, niente partiti tra i piedi (a loro lasceremo l'opposizione) e giunta che si presenterà assieme alla sindachessa, vale a dire: crediamo e sosteniamo quella squadra di governo della città (che avrà un proprio programma da condividere) per evitare i mal di pancia successivi alle elezioni ( ho preso 10 voti + di te, vorrei fare l'assessore....).

Come potete immaginare, non sarà facile, non sarà facile raggiungere già questi 3 punti, perchè in tanti lo si vorrebbe fare, ma mettere d'accordo tutti sarà un lavoro certosino... L'auspicio è che tutti i candidati capiscano quanto sia importante togliersi i legacci della vecchia politica per amministrare il bene comune, ognuno dovrà mettere la propria faccia senza nascondersi dietro un simbolo, che sia rosso, azzurro o giallo... Le persone che  intendono dedicarsi alla città attraverso le istituzioni non devono crearsi alcun paravento, e non sperare che questo sia un trampolino per altre carriere. Chi si candiderà, dovrà credere al lavoro per la città di Legnano e non per fare curriculum. 

La politica dei Vaffa... è fallita e non ha fatto fallire quella dei burocrati, NOI a Legnano dimostreremo che si può fare senza i  partiti e senza demagoghi di turno (state sereni che arriverà il  santone di turno con la soluzione in mano) perchè 'mettere la faccia' non ammette errori, non ammette scuse, le idee devono essere chiare prima e non percorrere la strada 'a vista' attendendo i comandi 'dei grandi capi'... Legnanesi avvisati, mezzi salvati, ora vediamo in quanti avranno il coraggio di dire IO CI STO', il progetto è pulito e condivisibile, per una...Legnano Futura.

(Chiara Lazzati)