Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Orti urbani": a San Vittore Olona si sogna un progetto educativo

Miglioramento delle tecniche di coltivazione e l'utilizzo di prodotti naturali (integratori) ad "impatto zero" sull'ambiente.  Sono alcune delle tematiche affrontate la scorsa sera durante il convegno dedicato agli "orti urbani". L'incontro si è svolto nella sala Consiliare di " Villa Adele" a san Vittore Olona ed è stato organizzato dall'Amministrazione Comunale in collaborazione con le aziende "TIEMME s.r.l." di Buscate e "Prime Evolution s.r.l." di Milano. Tra i presenti all'evento vi erano il vice sindaco e assessore all'Ecologia Marco Zerboni, dell'assessore alla Polizia locale e sport arch. Paolo Salmoiraghi, del consigliere comunale Maura Pera

I due relatori il dottor Alagia e il dottor Gaudet che hanno illustrato ai presenti come migliorare le coltivazioni attraverso il miglioramento dell'ambiente coltivato e l'utilizzo di prodotti naturali a base di enzimi che rafforzano le coltivazioni aumentandone la resa e diminuendo anche l'apporto di acqua da utilizzare per innaffiare gli orti.

I due relatori hanno interagito col pubblico rispondendo alle domande e dando anche preziosi consigli circa la tenuta degli orti affinchè questi abbiano migliore resa non solo sotto il profilo quantitativo ma anche per l'aspetto estetico e di igiene urbana.

«La speranza dell'amministrazione - ha spiegato il vice sindaco Zerboni - sarebbe quella che una volta recepiti i consigli e tradotti in pratica dai nostri coltivatori diretti, gli spazi a loro assegnati possano costituire un progetto di educazione gastronomico-ambientale per i ragazzi delle nostre scuole». Il vice sindaco ha poi raccontato: «Con alcuni dei presenti abbiamo assaggiato gli integratori naturali dimostrando che sono perfettamente commestibili per l'organismo umano e che non rappresentano un inquinamento e un impoverimento per i terreni dove vengono utilizzati. In fondo noi " Siamo quello che mangiamo».

(Gea Somazzi)

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI