Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Biblioteca nella ex Fonderia, ancora nessun sviluppatore

  • LEGNANO
  • mercoledì 21 dicembre 2016
  • 1388 Letture

Ancora nessun sviluppatore disponibile ad attuazione. Slitta l'operazione di riutilizzo delle ex Fonderie Franco Tosi dove è prevista la realizzazione della nuova biblioteca. Per tale motivo, ha comunicato  in consiglio comunale l'assessore all'urbanistica Antonio Ferrè, «la convenzione non è stata sottoscritta e ad oggi lo slittamento dei tempi rispetto al periodo previsto dal cronoprogramma, inizio 2016, è di circa un anno». Questa, in sintesi, la risposta all'interrogazione presentata dal gruppo consiliare Per Legnano. 

«La volontà - ha proseguito Ferrè - è di proseguire con l'attuazione del piano integrato. Tanto che la variante del Pgt prevede l'eventuale riadozione del piano con gli opportuni accorgimenti». Finmeccanica ha attivato 5mila contatti anche internazionali e adesso si attendono i riscontri. A pesare sull'operazione c'è l'onere della bonifica e l'aumento delle utilità pubbliche: «La variante in itinere - ha dichiarato l'assessore - può essere l'occasione per una riverifica del progetto per una soluzione di maggiore equilibrio in linea con la negativa situazione congiunturale. Restano inderogabile il riuso degli immobili, la rivitalizzazione di un polo di rivitalizzazione del quartiere e di collegamento tra città e Oltre Sabotino e la realizzazione della biblioteca. Il piano è strategico, una sfida che abbiamo la volontà di proseguire»

«Non posso che constatare che il progetto è ancora in alto mare e la biblioteca è ancora molto lontana», è stato il commento del consigliere comunale (Per Legnano), Stefano Quaglia. 

 

 

 

(Valeria Arini)