Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cappella Tosi: tirata a lucido per la "Festività dei Morti"

Tirata a lucido per la "Festività dei Morti", la cappella della Tosi di Legnano è stata ufficialmente "adottata" dal Comune.

Ieri mattina, mercoledì 26 ottobre, il sindaco Centinaio ha effettuato un sopralluogo a conclusione dell'operazione di sistemazione e pulizia dello spazio esterno della cappella funebre.

In 20 giorni, infatti, Giorgio Piccioni ex dipendente della Tosi, con i due profughi del centro di via Quasimoso (Zaccaria e Godwin), ha estirpato gli arbusti, raccolto i rifiuti e dipinto le inferriate.

«Questo è un monumento importante per la città. Qui, riposano i resti di Franco Tosi, industriale che ha fatto la storia di Legnano - ha affermato il sindaco -. Da diverso tempo stavo cercando il modo di sistemare questo monumento e Piccioni si è fatto avanti, per questo lo ringrazio».

Il sindaco, con gli assessori  Antonino Cusumano (Opere Pubbliche) e Gian Piero Colombo (Servizi Sociali), ha ammirato l’interno della cappella, decorata con tre mosaici e che ospita le tombe dell’industriale e della moglie. Presenti anche la consigliera comunale Monica Berna Nasca e il dr. Pietro Bonzi.

Sia Piccioni che Zaccaria e Godwin, sono stati omaggiati dal primo cittadino. «Avete fatto un ottimo lavoro - ha dichiarato Centinaio -. Diciamo pure che il Comune ha adottato questo monumento nella speranza di mantenerlo sempre decoroso. Mi auguro che le amministrazioni future continuino ad averne cura».

(Gea Somazzi)