Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

FUNZIONANO I DUE ASCENSORI DEL SOTTOPASSO CICLOPEDONALE DELLA STAZIONE

 0404_biloria.jpg0404_lift (1).JPG 
L'antico e il moderno: a sinistra la passerella in ferro di inzio secolo XX, chiamata 'bilòria', a destra l'ascensore funzionante da qualche giorno 


Da ieri sono in funzione i due ascensori del sottopasso ciclopedonale della stazione ferroviaria. Una vera e propria rivoluzione viabilistica per la nostra città.

Gli ascensori collegano il sottopasso alle due piazzette della stazione: quella chiamata largo Butti, verso il centro della città, e quella dove prima esisteva la fontana e che oggi è convertita nell'inizio di via Mauro Venegoni con uno spazio occupato da panchine e un moderno impianto di illuminazione.

Nel giro di un secolo siamo così passati dalla passerella storica della 'Bilòria' agli ascensori. La 'cintura di ferro' che tagliava la città in due richiese, infatti, già all'inizio del XX secolo una struttura per superarla in qualche modo. Nacque così la passerella che i nostri nonni ricordano spesso nelle loro memorie. La biloria, 'colorito epitito dialettale privo di un preciso significato' ha scritto Giorgio D'Ilario in 'Immagini della Vecchia Legnano', esisteva tra l'edificio dove ancora oggi c'è un buffet per i viaggiatori e i 'cancelli' del passaggio a livello. Rimase al suo posto fino agli anni Quaranta, quando venne introdotto il sistema di alimentazione elettrica della ferrovia con la realizzazione della linea aerea in luogo della terza rotaia. Sotto il cavalcavia la nuova linea non poteva passare e così l'impianto venne abbattuto e sostituito con un sottopasso ciclo-pedonale, rimasto attivo fino al settembre 2007.

Oggi, ecco quindi gli ascensori, molto ampi e funzionali. Nel tempo in cui abbiamo sostato in zona, non abbiamo visto cittadini così interessati al loro funzionamento. Anzi, quelli che transitavano ci dicevano di preferire le scale. Ma, forse, è soltanto questione di abitudine. Chi, d'altra parte, nel quartiere, avrebbe mai pensato di poter vedere una cosa del genere?

Anni Venti, il treno in stazione passa sotto la passerella. Sotto, l'ampio ascensore nel lato di via Venegoni 
 0404_biloria_1.jpg
 0404_lift.JPG
Free Website Counter