Quantcast

Sequestrati 110 milioni di euro al consorzio Sgai, proprietario della Pro Patria

A novembre il consorzio ha acquistato la società bustocca e dopo pochi giorni è stato arrestato il presidente Galloro, oggi il sequestro. Avrebbero ottenuto e monetizzato crediti d'imposta per lavori mai eseguiti

Pro Patria - Pergolettese 2 a 1 (18.12.21) - ph. Roberta Corradin

Nuova pesante tegola e conseguente ombra sul consorzio Sgai di Napoli, recentemente diventato proprietario del 90% delle quote della società calcistica di Busto Arsizio, Aurora Pro Patria 1919. Per delega del Procuratore della Repubblica distrettuale di Napoli la Guardia di Finanza comunica di aver eseguito un provvedimento di sequestro preventivo d’urgenza richiesto nella fase delle indagini preliminari, riguardante circa 110 milioni di euro di crediti d’imposta relativi al cosiddetto “Superbonus 110%”, nei confronti del Consorzio operante nel settore.

In totale sono state eseguite attività di perquisizione e sequestro presso le residenze di 21 persone fisiche, le sedi di 3 enti/società nonché sequestri preventivi di crediti presso 16 soggetti (istituti finanziari, società e persone fisiche).

A novembre 2021 era stato arrestato il 48enne Roberto Galloro, presidente del consorzio, nell’ambito di un’altra inchiesta che riguardava una presunta maxi-truffa nel settore energetico.

IL NO COMMENT DI PATRIZIA TESTA

L’ex-presidentessa del club bustocco Patrizia Testa, oggi consigliera comunale della lista Antonelli, non commenta le notizie diffuse in merito al consorzio a cui ha venduto le quote della società ma specifica: «Entro il 31 gennaio devono verificarsi una serie di cose che sono state richieste in sede di atto notarile. Se queste non si verificheranno ci saranno delle azioni conseguenti. Di più, ora, non posso dire»

Il servizio integrale con Varesenews, cliccare qui

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 20 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore