Quantcast

A Parabiago, Memorial della “Zebre Familt” dedicato allo storico promotore Leonardo Mussini

I bimbi sono stati i veri protagonisti dell’evento organizzato dalle Zebre e dal Rugby Parabiago

A Parabiago, Memorial della "Zebre Familt"  - credits Elena Di Vincenzo

Rugby, divertimento, nuove amicizie e condivisione. La prima edizione del Memorial Leonardo Mussini ha offerto mille ricordi ed emozioni alle migliaia di partecipanti provenienti da tutta Italia.

Galleria fotografica

A Parabiago, Memorial della "Zebre Familt" - credits Elena Di Vincenzo 4 di 4

I bimbi, in particolare quelli della “Zebre Family”, sono stati i veri protagonisti dell’evento organizzato dalle Zebre e dal Rugby Parabiago in collaborazione col digital media Rugbymeet per rendere omaggio alla memoria di un indimenticato amico, anima e colonna della franchigia parmigiana, prematuramente scomparso lo scorso settembre.

Un torneo di minirugby che è stato soprattutto una due giorni di festa che, più che avere vincitori e vinti, si è svolta all’insegna della passione comune per la palla ovale e della voglia di stare insieme e di vivere a 360° l’essenza e la cultura del rugby.

Ventisette i club partecipanti alla kermesse che ha avuto luogo nelle giornate di sabato e domenica al centro sportivo “Venegoni – Marazzini” di via Carso a Parabiago, la casa della società lombarda nata nel 1948, partner delle Zebre nella suggestiva cornice del Milano Rugby Week nel febbraio 2020 e nelle due edizioni del camp estivo “In vacanza con le Zebre”.

Nel corso dell’evento, impreziosito dalla contagiosa simpatia delle due mascotte Drop e Gaina, atleti, staff e dirigenti della franchigia federale si sono mischiati con bambini, famiglie e organizzatori del Memorial sugellando quel legame tra il vertice del movimento ovale italiano e le società del rugby di base che con i loro progetti, le loro iniziative e la loro passione alimentano e valorizzano instancabilmente l’intera filiera.

Le dichiarazioni dell’Amministratore Unico di Zebre Rugby Club, Michele Dalai:“Leonardo è stato un motore instancabile non solo delle Zebre, ma di tutto il movimento italiano. Ha contribuito a far nascere e sviluppare il progetto della Zebre Family e il legame tra tutti i club affiliati e la franchigia. Siamo felici e orgogliosi di ricordarlo nelle nostre piccole azioni quotidiane ma anche in eventi come questo dedicati alle società del territorio. Ringrazio il Rugby Parabiago per l’organizzazione e tutti i presenti per aver contribuito alla riuscita di una manifestazione che speriamo possa ripetersi ogni anno in un diverso club della Zebre Family”.

“Leonardo è stato una grande risorsa non solo delle Zebre, ma di tutto il movimento italiano, avendo contribuito a sviluppare il progetto della Zebre Family e il legame tra tutti i club affiliati e la franchigia. Siamo felici e orgogliosi di ricordarlo nelle nostre piccole azioni quotidiane, ma anche in eventi come questo dedicati alle società del territorio. Ringrazio il Rugby Parabiago per l’organizzazione e tutti i presenti per aver contribuito alla bella riuscita di una manifestazione che speriamo possa ripetersi ogni anno in un diverso club della Zebre Family”.

Uno splendido sole primaverile ha riscaldato gli animi dei tantissimi bimbi che, dall’U5 all’U13, hanno portato tutto il loro entusiasmonei quattro campi dell’impianto sportivo del club rossoblù, tornando a giocare a pieno regime dopo la lunga parentesi dell’emergenza “Covid-19”.

Parole d’apprezzamento per la buona riuscita del torneo da parte del Presidente del Rugby Parabiago Marco Marazzini: “Siamo orgogliosi di aver ospitato a casa nostra il 1° Torneo Zebre Family. Ringraziamo le Zebre che hanno avuto fiducia in noi, a partire dall’Amministratore Unico Michele Dalai. Sono stati due giorni speciali per più di mille atleti e non possiamo che dire un grazie enorme a tutti i nostri volontari: gli organizzatori, gli educatori, gli accompagnatori, i ragazzi delle juniores e delle seniores che hanno arbitrato, i genitori che si sono prestati per fare qualunque attività fosse necessaria. Un ultimo grazie all’Amministrazione Comunale, in particolare nella persona del Sindaco Raffaele Cucchi, che ci sostiene sempre e rende sempre più bella la nostra casa”.

Più di 1.000 i partecipanti all’evento che ha potuto prendere forma grazie anche al prezioso coordinamento e contributo organizzativo di Clara Mazzagatti e Marco Mainardi, responsabili del settore minirugby del Rugby Parabiago:

“Dopo questi due anni di fermo forzato poter portare a Parabiago un numero così importante di giovani atleti provenienti da tutta Italia appartenenti alla “Zebre Family” è motivo di orgoglio – dichiara Marco Mainardi –. Purtroppo tutto il movimento sportivo giovanile ha sofferto fortemente il periodo pandemico: dare un segnale forte di ripartenza può solo fare bene ai ragazzi e alle loro famiglie”.

“Èfondamentale ripristinare la socialità e l’affettività– aggiunge Clara Mazzagatti –.Non solo i bambini hanno bisogno e voglia di ritornare a giocare, ma anche le società sportive di continuare a costruire il tessuto sociale che sta alla base del nostro movimento. Lo sport è unione, è cooperazione e questo torneo ne è la dimostrazione”.

Momento toccante domenica pomeriggio quando, a margine del conferimento delle medaglie commemorative a tutti i partecipanti e del premio alla “Miglior Società” della prima edizione del Memorial Leonardo Mussini, il presidente del Rugby Parabiago Marco Marazzini ha consegnato una targa speciale a Elisa Zani, compagna dell’indimenticato “Leo”, gradita ospite dell’evento che il prossimo anno è pronto a fare tappa presso un’altra società della “Zebre Family” secondo un progetto itinerante in tutta Italia.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 24 Maggio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

A Parabiago, Memorial della "Zebre Familt" - credits Elena Di Vincenzo 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore