Un apostrofo nel cognome manda in tilt il sistema scolastico

Un diploma tagliato a causa di un errore nella scrittura e adesso vale solo il certificato sostitutivo - L'amarezza di una studentessa

"Tagliare un diploma non è reato! No non lo è, ma tagliare un diploma invalidandolo significa cancellare il percorso fatto da uno studente per cinque anni: un percorso pieno di impegno, fatica, ricordi belli e brutti, soddisfazioni e crescita", inizia così lo sfogo di una studentessa del Liceo di Legnano, protagonista di un vicenda non nuova ma dalle conseguenze diverse dal passato, per una legge modificata.

[pubblicita] Tutto nasce da un errore nella scrittura del cognome della studentessa sul diploma, che necessitava della lettera maiuscola dopo l’apostrofo: "Purtroppo – spiega la giovane – “Il sistema”, come ha sempre sostenuto la segreteria del liceo, non riconosce questa sintassi e, dopo l’apostrofo, scrive in automatico la lettera minuscola. Il problema, però, è che è proprio il personale addetto a inserire i dati nel famoso sistema e a doverli, in teoria, ricontrollare prima di autorizzare la stampa dei diplomi a chi di dovere".

Al mancato controllo del personale fa seguito, poi, anche quello della studentessa perché, come conferma lei stessa: "accortami dell’errore solo dopo aver firmato e aver fatto esattamente due gradini al di fuori della segreteria l’ho comunicato al personale. Parte dell’errore sicuramente è anche mio, poiché ho firmato prima di verificare la correttezza del diploma, ma, nonostante ciò non ho avuto informazioni precise riguardo la procedura da svolgere per giungere ad una soluzione".

Inizia così un periodo di discussioni tra la ragazza e l'istituto per arrivare a una definizione della questione. Una prima soluzione, rifiutata, era indirizzata a "modificare il diploma manualmente con un timbro e firma del dirigente". Dopo mesi senza alcun risultato, la scoperta che lascia una profonda amarezza nella studentessa: "Parlando con il responsabile  dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano per ulteriori informazioni, scopro che il mio diploma era stato tagliato senza il mio permesso e che da quel momento avrei potuto avere solo un certificato sostitutivo, cioè un semplice foglio A4.Ci tengo a sottolineare che la segreteria non mi aveva in alcun modo avvisata che il mio diploma fosse stato tagliato, anzi mi ha solo riferito che era non sapeva come mi avrebbero riconsegnato il documento".

In precedenza, un analogo caso era stato risolto con una copia del diploma originale mentre il cambio della legge, come ci spiega il dirigente scolastico,  Marcello Bettoni, impedisce la stampa di una "copia" e limita la possibilità appunto a un "certificato sostitutivo". Secondo la legge nulla cambia. Il documento ha valore a tutti gli effetti, resta il problema affettivo e da qui lo sfogo della giovane: "Non è accettabile che in un liceo in cui si insegna ad essere precisi, a documentarsi prima di agire e ad assumersi le proprie responsabilità, il personale che vi lavora non è nemmeno a conoscenza delle procedure da compiere e delle leggi da seguire in questi casi, ma procede a tentativi e in modo superficiale.Inoltre, è inconcepibile che mai si siano sentite delle scuse per l’errore commesso e per la mancanza di attenzione, se non solo delle giustificazioni non plausibili. Questo “errore del sistema” sottovalutato mi ha portata ad aspettare mesi prima di avere in mano il diploma, rischiando di precludermi esperienze o possibilità di lavoro che necessitano di avere in possesso il diploma come certificazione della maturità conseguita. Di tutto ciò mi è rimasta una grande amarezza e delusione nei confronti di una scuola in cui, nonostante tutto, ho lasciato un pezzo di cuore". 

Come anticipato, il preside Bettoni conferma che il certificato sostitutivo ha valore legale a tutti gli effetti e per qualsiasi necessità. Resta il fatto che tutti i documenti personali, in caso di sostituzione, possono avere una copia. Un diploma, no? Dove sta il problema all'Ufficio Scolastico Territoriale di Milano?

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 13 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore