STUDENTI A LEZIONE NELLA “CULLA DELLA SCARPA”

Oltre un centinaio di ragazzi hanno partecipato a workshop e visite guidate in tre aziende calzaturiere di Parabiago...

Galleria fotografica

Studenti in visita nella "culla della scarpa" 4 di 23

Studenti del Legnanese a lezione nella "culla della scarpa".

Oltre un centinaio i ragazzi delle scuole medie (Scuola Media di Arconate e Buscate) e degli istituti tecnici del territorio (Bernocchi e Dell’Acqua di Legnano, Marcora di Inveruno) che questa mattina hanno partecipato alla quarta edizione di ‘Industriamoci’, la giornata organizzata dalla Piccola Industria di Confindustria Alto Milanese in cui le PMI aprono le porte dei propri stabilimenti agli studenti e agli insegnanti

Duplice l’obiettivo: da un lato aiutare concretamente i più giovani che stanno per lasciare le medie ad orientarsi nella scelta del percorso formativo superiore; dall’altro mostrare da vicino agli studenti che hanno già scelto un indirizzo specialistico come lavorano le figure professionali in cui possono identificarsi. 

Tre le imprese coinvolte che fanno parte  di quell’industria calzaturiera che vince grazie ad una filiera “Made in Italy” capace di unire la lavorazione tradizionale alle più avanzate tecnologie e che in Parabiago ha un polo produttivo di assoluta eccellenzaFratelli Rossetti (nella foto a sinistra) marchio consolidato sul mercato Fratelli Rossetti (nella foto in alto a sinistra) nazionale ed estero, di lusso, nato e cresciuto nel territorio dell’Alto Milanese; Parabiago Collezioni Parabiago Collezioni (nella foto a destra) go Collezioni (Thierry Rabotin), restart di una azienda in crisi che ha puntato il proprio successo su un prodotto innovativo che coniuga la calzata confortevole ad un contenuto moda, rivolgendosi innanzitutto ai mercati internazionali; Roveda, azienda di origine italiana, nella quale un Roveda grande gruppo internazionale ha investito acquisendone la proprietà e portandola ad essere la propria fucina del comparto calzature

Per far toccare con mano ai ragazzi il lavoro in fabbrica, il programma si è articolato in una visita dei reparti e in momenti di approfondimento, veri workshop, in cui i manager aziendali hanno mostrato cosa significano realmente parole come “progettazione”, “produzione” e “interazione con il mercato”, che non sempre si apprendono sui banchi di scuola, ma che sono fondamentali per l’inserimento nel mondo del lavoro: "Abbiamo maggiore bisogno di persone istruite in ambito tecnico-produttivo che nelle vendite – il messaggio di Diego Rossetti della Fratelli Rossetti ai giovani (nella foto a sinistra) – vi consiglio di specializzarvi e di studiare l'inglese: quando ci troviamo a valutare i curriculum vitae, teniamo in considerazione quelli di persone ben determinate ad inseguite una strada". Come ha poi spiegato Carmelo Schirip, che di occupa del controllo qualità dell'azienda da 35 anni, la qualità indispensabile resta la passione. 

Alla Parabiago Collezioni (nella foto a destra) è stato Karl Schlecht ad accompagnare i ragazzi delle medie in visita ai reparti e a spiegare quanto tempo (due ore e mezzo) e quante mani (200) servono per fare una scarpa. Presente anche Giovanna Celioni attuale referente per il gruppo calzaturieri di Confindustria.

L’evento di quest'anno – ha commentato Mimmo Lobel Mimmo Lobello Mimmo Lobello, Presidente del Gruppo Piccola di Con lo findustria Alto Milanesefa parte della Settimana europea delle PMI, che si svolge in 37 Paesi per promuovere l’avvio di nuove attività e valorizzare il contributo che dell’impresa al benessere in Europa, in termini di lavoro, innovazione e competitività. Con le visite agli stabilimenti abbiamo fatto capire ai giovani quanto le nostre imprese siano dinamiche e attente al cambiamento e quanto richieste siano le professionalità altamente qualificate, su cui dobbiamo investire proprio per difendere il futuro delle nuove generazioni''.

valeria arini

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 25 Novembre 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Studenti in visita nella "culla della scarpa" 4 di 23

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore