Quantcast

Il servizio automedica di Legnano festeggia vent’anni di attività

L'automedica è stata attivata nel 2002 per volontà del dottor Sergio Morra, responsabile Anestesia e Partoanalgesia dell'Ospedale di Magenta. Il commento di Sabina Campi, direttore AAT 118 Varese

Automedica

Vent’anni di soccorso medico h24 sul territorio dell’Alto Milanese e non solo. Con migliaia di servizi alle spalle. l’automedica in sede all’Ospedale di Legnano. sabato 1 ottobre. festeggia i suoi primi vent’anni di attività nell’area nord della provincia di Milano.

L’automedica è un servizio collegato ad Areu (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) ed è utilizzata per trasportare sul luogo dell’evento una equipe sanitaria con competenze avanzate e la relativa attrezzatura medica. Quindi, porta soccorso alle vittime di incidenti stradali, infortuni sul lavoro e anche in caso di malori.  Questo veicolo leggero veloce  legnanese (VLV) è stato attivato nel 2002 per volontà del dottor Sergio Morra, responsabile Anestesia e Partoanalgesia dell’Ospedale di Cuggiono-Magenta. Inizialmente operativa dalle 8 alle 20, l’automedica divenne operativa h24 nell’ottobre del 2005. Attualmente, il suo responsabile legnanese è Federico Valdambrini.

Clicca qui per leggere il mensile dell’azienda ospedaliera di Legnano nel novembre 2002 per dedicato all’attivazione dell’automedica.

In questi vent’anni l’assetto dell’automedica legnanese non è cambiato. Come ha spiegato Sabina Campi, direttore AAT 118 Varese, a mutare è la tecnologia a bordo del mezzo: «Le attrezzature sono sempre più all’avanguardia, oggi per esempio è possibile utilizzare un ecografo sul posto dell’intervento». Anche se poi, precisa la dottoressa Campi, «la differenza non la fa la tecnologia, ma le persone che con la loro professionalità agiscono nel momento del bisogno».

L’obiettivo è sempre lo stesso: quello di anticipare alcune fasi di pronto intervento così da aumentare le probabilità di sopravvivenza nei casi più gravi e in generale di limitari i danni subiti dal ferito. Per far ciò la squadra dell’automedica è costituita da un medico preferibilmente anestesista-rianimatore, un infermiere professionale con esperienza in area critica e un autista – soccorritore. Figura quest’ultima, che dall’inizio di quest’anno è ingaggiata da Areu solo tra le sue fila e non più nelle associazioni di soccorso già fortemente impegnate sul territorio nei mezzi di base. La squadra VLV rappresenta, quindi, un  collegamento diretto tra i medici del pronto soccorso e il mondo dell’emergenza. In questo modo gli specialisti che attendono il paziente in ospedale sono già pronti per la presa in carico: sanno già quali procedure attivare per poter curare al meglio il malato.

Il mezzo di soccorso legnanese è tra i quattro operativi nell’area tra Milano e Varese del 118, gli altri tre sono a Gallarate, Varese e Luino. Sul campo, insieme a loro ci sono le auto-infermieristiche di Tradate, Sesto Calende e Busto Arsizio (quest’ultima attiva dalle 8 alle 20). Purtroppo anche questo genere di servizio, così come tutto il sistema sanitario, in questo momento storico sta accusando le difficoltà relative alla carenza di personale medico. Non a caso, recentemente, Areu si è trovata costretta a rimodulare l’assetto del mezzo sanitario avanzato (MSA) di Gallarate: per alcuni mesi, la MSA durante il giorno assicurava la presenza del medico e dell’infermiere, mentre durante la notte solo quella dell’infermiere (recentemente, il servizio è tornato alla normalità). Un destino che, come garantisce il direttore del 118, «di certo non toccherà l’automedica legnanese». Il suo futuro, quindi, appare solido: «È un servizio importante visto anche il territorio che va a coprire. Non è previsto un implementazione, in quanto, l’attuale risulta più che sufficiente a rispondere alle richieste».

Generico 26 Sep 2022

Gea Somazzi
gea.somazzi@legnanonews.com
Noi di LegnanoNews abbiamo a cuore l'informazione del nostro territorio e cerchiamo di essere sempre in prima linea per informarvi in modo puntuale.
Pubblicato il 30 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore