Quantcast

Vaccini anti-Covid e antinfluenzale in farmacia, confermati nel Decreto riapertura

La possibilità di farsi vaccinare in farmacia, introdotta nel periodo di emergenza sanitaria, adesso rientra stabilmente nel novero delle prestazioni della “farmacia dei servizi”

vaccini

La possibilità di farsi vaccinare in farmacia, introdotta nel periodo di emergenza sanitaria, adesso rientra stabilmente nel novero delle prestazioni della “farmacia dei servizi”. «La somministrazione dei vaccini anti-Covid e antinfluenzale, quindi, è diventata strutturale – spiegano da Federfarma -. È questa la principale novità introdotta con il decreto Riaperture, approvato in via definitiva al Senato con 201 voti favorevoli».  A prevederlo è l’articolo 8-bis del provvedimento, che introduce in un regime di ordinarietà “la somministrazione, con oneri a carico degli assistiti, presso le farmacie, da parte di farmacisti opportunamente formati a seguito del superamento di specifico corso abilitante e di successivi aggiornamenti annuali, organizzati dall’Istituto superiore di sanità, di vaccini anti Sars-CoV-2 e di vaccini antinfluenzali nei confronti dei soggetti di età non inferiore a diciotto anni.

«Per le farmacie questo periodo di pandemia è stato molto impegnativo, ma i farmacisti hanno saputo rispondere prontamente alle richieste di salute della collettività, proprio in quanto anello di congiunzione tra quest’ultima e il Servizio Sanitario Nazionale – commenta il presidente di Federfarma Nazionale, Marco Cossolo –. Oggi raccogliamo i frutti di questo impegno, impegno che ha spinto le Istituzioni a riconoscere formalmente che la farmacia è il primo presidio di prossimità, necessario per garantire un’efficiente riorganizzazione del sistema di assistenza sanitaria sul territorio».

Il provvedimento conferma anche «l’effettuazione di test diagnostici che prevedono il prelevamento del campione biologico a livello nasale, salivare o orofaringeo,  nelle attività di rilevazione del Covid-19 – precisano da Federfarma -. Questo tipo di servizio potrà essere effettuato in aree, locali o strutture, anche esterne, dotate di apprestamenti idonei sotto il profilo igienico-sanitario e atti a garantire la tutela della riservatezza. Le aree, i locali o le strutture esterne alla farmacia devono essere compresi nella circoscrizione farmaceutica prevista nella pianta organica di pertinenza della farmacia stessa».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore