Quantcast

Commissione Sanità: «Sono 2mila i malati cronici ancora non vaccinati»

La commissione Sanità ha proposto di attivare una campagna informativa con locandine che riportano numeri utili affissi nelle farmacie e negli ambulatori medici. L'obiettivo è informare e fare rete

Commissione sanità 9 primo incontro

Informare i cittadini sui servizi attivi sul territorio anche attraverso locandine che riportano numeri utili affissi nelle farmacie e negli ambulatori medici. È la campagna informativa proposta della commissione Sanità riunitasi questa sera, martedì 1 dicembre, e presieduta dal dottor Franco Colombo.  Alla presenza del vice sindaco Anna Pavan, il presidente ha aperto l’incontro stimando che sono circa 2mila i cittadini cronici che non sono stati ancora vaccinati, «perchè mancano i vaccini, e il fatto è disdicevole. Ma si sta facendo il possibile per risolvere questo problema e ci auguriamo che le dosi mancanti arrivino al più presto».

Fare rete mettendo in collegamento medici di Medicina Generale, le associazioni di volontariato e l’Asst  Ovest Milanese per informare e migliorare i servizi territoriali. In sintesi, è questo l’obiettivo condiviso da tutti i partecipanti della commissione 9 che intende intervenire per risolvere le problematiche concrete del vivere quotidiano dei cittadini.

«Ad esempio, dobbiamo iniziare a diffondere, attraverso una comunicazione semplice, il messaggio che la mascherina è un dispositivo utile anche per difendersi dall’influenza – ha commentato Colombo con l’approvazione della commissione -. È necessario cambiare la metodologia di comunicazione. Per quanto riguarda la campagna vaccinale. è importante segnalare che c’è tempo ancora per il vaccino e che i dispositivi di protezione possono essere strumenti davvero importanti per proteggerci».

Tra gli argomenti messi sul tavolo della commissione, è emerso l’impoverimento del territorio di tutti i servizi ambulatoriali che, con la riforma sanitaria, sono stati centralizzati nell’Ospedale. Un cambiamento che ha portato in questo periodo di pandemia ad allungare le liste d’attesa per gli interventi. Un nodo che si aggiunge a tanti altri e che spinge la commissione a cercare «di interloquire maggiormente con l’Asst Ovest Milanese per trovare punti d’incontro e soluzioni costruttive».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore