La questione discarica di Cerro Maggiore pronta per approdare al Pirellone

Il consigliere regionale Curzio Trezzani (Lega) sta preparando un'interrogazione per la giunta regionale

La possibile riapertura della discarica di Cerro Maggiore potrebbe presto approdare tra i banchi di discussione del Pirellone. Centrodestra Unito ha contattato il consigliere regionale Curzio Trezzani (Lega) dopo le notizie lanciate dal Movimento 5 Stelle su una possibile riapertura del sito. Trezzani si è detto disponibile a presentare un'interrogazione per la giunta di Regione Lombardia sulla discarica. Oggi, mercoledì 6, il consigliere Trezzani ha fatto visita a Cerro Maggiore per supportare la candidata Nuccia Berra e per effettuare un sopralluogo alla discarica.

«La discarica di Cerro Maggiore non deve ricevere più nemmeno un grammo di rifiuti –  affermano i leghisti Alessandro Provini, capolista per Berra Sindaco, e il consigliere regionale Curzio Trezzani. Fu chiusa grazie agli accordi presi nel lontano 1995, siglati dall'allora sindaco della Lega, successivamente modificati per suggellare e meglio definire il recupero dell'area, perciò la questione è morta e sepolta». «Siamo assolutamente e fermamente contrari a una qualsiasi idea sul conferimento di rifiuti, anche se non pericolosi – aggiunge Provini – . Anche un solo grammo vorrebbe dire riaprire la discarica. È stata chiusa grazie all'impegno unitario di tantissimi cittadini che hanno avuto il sostegno fondamentale dell'allora sindaco leghista, per cui non è nemmeno ipotizzabile una soluzione di questo tipo. Noi della Lega, assieme al nostro candidato sindaco Berra, prendiamo l’impegno solenne davanti ai cittadini per dire no a questa discarica, ora e sempre».

«Sono stato contattato dal vostro candidato sindaco per capire un po' meglio la situazione, perchè effettivamente abbiamo un problema: questa discarica doveva essere riempita con dei rifiuti inerti e invece a quanto pare la società sta chiedendo a Città Metropolitana di riempirla con rifiuti, cosa che noi non possiamo accettare – il commento del consigliere regionale di maggioranza Trezzani al mercato di Cerro Maggiore -. La discarica è chiusa e non dobbiamo riaprirla. Cerro, e il nostro territorio in generale, ha già dato. Mi sono subito attivato e sto preparando un'interrogazione che verrà mandata in giunta, dalla quale mi aspetto una risposta da Regione Lombardia e un impegno affinchè, come ente sovraordinato rispetto a Città Metropolitana, metta dei paletti ben precisi sul discorso discarica, ovvero non si può riaprire la discarica di Cerro».

Anche la stessa candidata sindaco Nuccia Berra ha ribadito il netto no alla riapertura della discarica. «Il nostro impegno sarà sicuramente quello di vigilare e di controllare che in questa discarica non vengano messe materie che saranno nocive. Il nostro impegno sarà totale per garantire questo alla nostra cittadinanza».

Fin da subito, da tutta Cerro e dai paesi limitrofi è stato forte, immediato e non curante del colore politico il coro di no all'ipotesi di una discarica bis.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 06 Giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore