Quantcast

Una commissione per ACCAM e la “grana” del direttore Opere Pubbliche in consiglio comunale

Martedì 29 nuova seduta consiliare, La procedura d'assunzione del nuovo direttore delle Opere Pubbliche non sembra corretta e il rischio di cadere in un "Fratus2" sta agitando il Palazzo. La posizione dell'amministrazione comunale

Consiglio comunale Lorenzo Radice

Torna il consiglio comunale di Legnano, con una seduta di fine anno che si preannuncia interessante e movimentata per diversi motivi. Dopo la seduta dello scorso 21 dicembre, questa sera sono ancora numerosi i punti all’ordine del giorno che dovranno essere affrontati e votati.

Tra questi, spicca la mozione del gruppo d’opposizione Movimento con  i cittadini per una commissione di controllo e di verifica su Accam e la raccolta dei rifiuti: «Un organo necessario – spiega l’avv. Franco Brumana – per non risolvere la questione in pochi minuti con una semplice votazione sul futuro dell’inceneritore. La commissione amplierebbe i margini della discussione consiliare arrivando anche a giudizi diversi, ma assolutamente in grado di offrire al consiglio comunale una visione completa del problema».

In apertura, lecito attendersi un confronto sulla “grana” scoppiata stamane quando è stata bloccata la nomina dell’arch. Luigi Fregoni nuovo direttore del settore Opere Pubbliche. La procedura d’assunzione non sembra corretta e il rischio di cadere in un “Fratus2” sta agitando il Palazzo.

Nel pomeriggio, infatti, il commento di Carolina Toia è eloquente: «Vorrei scrivere tante cose, ma per adesso mi limito a garantire ai legnanesi che questa sera chiederemo conto in consiglio comunale di queste presunte irregolarità». Fa eco Franco Brumana, in merito a presenze “misteriose” durante i colloqui  dei candidati: «Auguriamoci che questa signora misteriosa non abbia a che vedere con le forze politiche della maggioranza . Questa sera in consiglio comunale dovrà essere chiarita la questione».

In serata, la conferma che il sindaco Lorenzo Radice procederà alla revoca dell’atto con il quale era stato individuato l’architetto Luigi Fregoni quale responsabile delle Opere pubbliche ai sensi dell’articolo 110 del Tuel.

«Con l’intenzione di procedere nel modo migliore alla scelta del dirigente fra i dieci di candidati presentati dal nucleo valutativo – dichiara Radice– , ho deciso di farmi affiancare da una persona di fiducia esperta nel campo della selezione risorse umane. Siccome il segretario comunale ha rilevato un possibile vizio di forma procedurale nella presenza dell’esperto, ho deciso di rispettarne il parere e revocherò il provvedimento dando mandato al dirigente delle Risorse umane di emettere un nuovo bando. Nel frattempo la posizione di responsabile continuerà a essere coperta dall’attuale dirigente».

Per l’ordine del giorno, cliccare qui

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 29 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore