Quantcast

“La Politica è la grande assente nel dibattito consiliare a Legnano, torniamo al dialogo!”

Una considerazione di Stefano Quaglia, animatore della lista "Legnano Futura", sollecita attenzione sulla necessità di una Politica intesa soltanto come servizio alla città

stefano quaglia

Stefano Quaglia, già consigliere comunale e oggi animatore della lista “Legnano Futura” fa sentire il suo grido di allarme per una Politica a Legnano, definita la grande assente nel confronto consiliare legnanese. Ne esce un panorama deludente e carico di interrogativi per il futuro. Il disegno che appareda queste considerazioni è ancor più preoccupante, se allarghiamo l’orizzonte a tutto il territorio di cui si occupa il nostro giornale. Basta leggere le cronache politiche che arrivano da altre località per avere una conferma. Ovunque, prevale l’aspetto litigioso del dibattitto all’interno dei vari parlamentini locali. Possibile che la Politica, quella richiamata nel messaggio di Quaglia, sia davvero la grande assente a casa nostra?

Ho motivo di ritenere che quella dello scorso giovedì 28 aprile sia stata la peggiore seduta di consiglio comunale della storia di Legnano. Diffusa è stata la sensazione di disgusto nel vedere gli amministratori, da noi eletti e nostri rappresentanti, scendere a un tale livello di lite. Il tutto pochi giorni dopo la marcia della pace di Assisi, un fatto che ha suscitato una domanda spontanea: se da quasi due anni si litiga sempre più nel consiglio comunale di una piccola città, pretendiamo che vadano d’accordo le nazioni? Pace è innanzitutto non fare la guerra ai propri simili negli ambiti che ciascuno vive quotidianamente; inutile parlare di “comunicazione non ostile” se la violenza verbale regna nelle istituzioni.

E’ mai possibile che ogni tentativo di confronto politico a Legnano venga stroncato sul nascere o degeneri nell’invettiva?
Ogni volta che passiamo davanti al parco di piazza Monte Grappa, ricordiamo che è stato frutto di una passata politica in cui una minoranza che esercitava correttamente il suo dovere di controllo si confrontava con una maggioranza che sapeva governare con rispetto per le opposizioni. Fu sufficiente un’interrogazione consiliare, e il parco di piazza Monte Grappa non venne trasformato in zona residenziale diventando quella bella area in cui oggi facciamo giocare i nostri figli.
Ma un tale clima di sano confronto rischia di rimanere un ricordo se le forze politiche non sono rappresentative degli interessi della cittadinanza e sono più preoccupate di dare voce ad alcune lobby.

Le forze politiche legnanesi chi rappresentano? Ricordo i consiglieri comunali quando dicevano “io rappresento un partito”, una frase che aveva senso quando le forze politiche erano un vero tramite fra istituzioni e cittadini. In alcuni casi a Legnano abbiamo assistito a vere e proprie “scalate” ai partiti e simili da parte di gruppi teoricamente apartitici, spostando l’obiettivo ben lontano dal rappresentare gli interessi pubblici. Anche noi cattolici poniamoci qualche interrogativo e mettiamoci in discussione: la politica legnanese rappresenta i legnanesi? Abbiamo dato il nostro contributo nel modo corretto?

E allora di chi è la colpa di una tale situazione? Della maggioranza? Della minoranza? Di chi non sa ancora da che parte sta?
La colpa è di un’assente che si chiama Politica. Quella in cui non ci si improvvisa amministratori in modo supponente solo per autoattribuiti requisiti morali; quella in cui non si pretende di trasformare i partiti in “bolle” per evitare di “contagiarsi” con chi la pensa diversamente; quella in cui prima dell’amministrazione c’è la formazione; quella in cui si va nelle istituzioni a rappresentare l’interesse della città; quella in cui il dialogo sa porre un freno alla violenza verbale che impera a Palazzo Malinverni.
A proposito di dialogo: dove sono le segreterie di partito, esistono ancora? Possono provare a sedersi a un tavolo e gestire questa situazione? Perché in consiglio comunale non si rappresenta se stessi!

Ridateci la Politica! Non solo si avvicinano le elezioni politiche (che interessano anche a Legnano), ma anche le prossime comunali.

Stefano Quaglia

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore