Quantcast

Le pagelle di Polis a un anno dalle elezioni: Radice 7+, opposizione bocciata (quasi) tutta

Le valutazioni della associazione socio-politica nella rivista in distribuzione ad ottobre. Bacchettati anche pentastellati e verdi, "scomparsi" dopo la campagna elettorale

legnano comune

È trascorso un anno dalle elezioni comunali che portarono a Palazzo Malinverni la Giunta guidata da Lorenzo Radice e una maggioranza composta da Partito democratico, Insieme per Legnano e ri-Legnano. Cosa è accaduto nel frattempo? Come procedono le vicende amministrative? Quale l’attività delle opposizioni consiliari?

L’associazione Polis consegna, tramite la propria rivista, una prima valutazione. «In politica – vi si legge fra l’altro – non ci si improvvisa. Occorrono anni di formazione, identificazione con il vissuto e i tratti caratteristici della città, immedesimazione con le possibili linee di sviluppo della città stessa, sguardo lungo per cogliere i cambiamenti in atto (…) ma in oggi caso la Giunta Radice ha ottenuto discreti risultati amministrativi». Il primo giudizio della associazione sulla opposizione è, al contrario, una bocciatura quasi totale: «I rappresentanti di Lista Toia, Lega e Forza Italia, hanno dimostrato modesta preparazione amministrativa. L’opposizione di Franco Brumana, invece, per quanto inflessibile, è sempre stata argomentata e rispettosa dell’istituzione Comune».

Nelle pagine successive del numero in distribuzione altri temi di politica nazionale e milanese, per poi tornare ad argomenti locali: la “svolta verde” annunciata dalla maggioranza di centrosinistra, il faticoso e discusso passaggio da Accam a Neutalia (inceneritore di Borsano e gestione rifiuti), la questione della casa e il recupero del patrimonio abitativo pubblico. Altri articoli si concentrano sul Presidio dell’associazione Libera, sulla Dad, sulle icone realizzate dalle monache del Carmelo di Legnano.

Inoltre, un’intervista con don Virginio Colmegna che ricorda Gino Strada e un “pezzo” dedicato al recente Rapporto Unicef che segnala un miliardo di bambini a rischio per gli impatti della crisi climatica, della quale si
occuperà a novembre la Cop26 di Glasgow.

Qui la versione in pdf della rivista

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore