Quantcast

La Lega Giovani lancia la petizione online “Erdogan dittatore, io ci metto la firma!”

Alessandro Verri (Lega): “Basta ipocrisie, chiamiamo le cose con il loro nome, appello a tutti i giovani dei movimenti politici”

legnano generica

“Oggi lanciamo una petizione online, che chiediamo di sottoscrivere ai giovani di tutti i movimenti politici italiani, contro le politiche repressive messe in atto dal dittatore turco, Erogan”. Così Alessandro Verri, coordinatore lombardo della Lega Giovani.

“La questione del divano, e il vergognoso atteggiamento tenuto verso il Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyne, è solo l’ultima provocazione da parte di una leadership turca, prepotente e distante anni luce dalla cultura civile e democratica dell’Europa – prosegue Verri – . Con la nostra petizione intendiamo denunciare le ripetute violazioni dei diritti umani, della libertà d’espressione e dei valori democratici da parte di Ergodan”.

“Le cose vanno chiamate con il loro nome – conclude il responsabile della Lega Giovani -. Erdogan è un dittatore e l’Unione Europea deve prendere le distanze in modo marcato e senza ambiguità da una Turchia ormai sempre più islamista, che ha scelto anche di ritirarsi dalla Convenzione sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”.

https://www.legagiovanilombardia.it/stop-erdogan

 

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore