Quantcast

Cava Solter: in Regione approvata mozione Lega-FI, bocciata quella M5S

Nel parlamento lombardo sono state discusse alcune mozioni che chiedevano impegni contro l'ipotesi discarica nel parco del Raccolo

Il caso cava Solter di nuovo in consiglio regionale. Nel parlamento lombardo martedì 3 sono state discusse alcune mozioni che chiedevano impegni contro l'ipotesi discarica nel parco del Raccolo. Approvati i due documenti targati Forza Italia e Lega (convenuti in un unico testo), bocciato invece quello presentato dal Movimento 5 Stelle.

LEGA«Un tema che parte da lontano quello della discarica di Casorezzo, con i provvedimenti relativi alla valutazione ambientale strategica nel 2016 e l’autorizzazione nel 2017 per lo smaltimento di rifiuti speciali rilasciati entrambi dalla Città Metropolitana che, lo ricordiamo, ha la competenza per l’emanazione delle autorizzazioni su tali impianti – sostengono i consiglieri regionali della Lega, Silvia Scurati, Simone Giudici e Curzio Trezzani  – Una scelta infelice quella dell’area in quanto sia i comuni interessati così come il PLIS del Roccolo, hanno impugnato tali autorizzazioni di fronte al TAR». «Anche la Regione – sottolinea Scurati, prima firmataria – nonostante sia esclusa dalle procedure autorizzative ha presentato ricorso proprio per rimarcare l’applicazione di un criterio penalizzante funzionale alla tutela del territorio». «

Anche durante l’incontro che si è tenuto con i rappresentanti del territorio allarmati dall'accettazione di Città Metropolitana degli interventi compensativi di natura ambientale, Regione Lombardia ha ribadito che farà la sua parte, ma concretamente e non con richieste che non rappresentano una reale soluzione, come quelle avanzate dai 5 stelle nel loro documento, che non hanno valenza giuridica nei confronti di Città Metropolitana. Per questo – proseguono i consiglieri del Carroccio – abbiamo ritenuto opportuno presentare una mozione abbinata che in qualche modo, senza promettere nulla perché i giudizi ad oggi sono ancora pendenti al TAR Lombardia, cerca di aprire uno spiraglio per modificare e valutare criteri più stringenti per il rilascio delle autorizzazioni. L’impegno che abbiamo preso, in materia di programmazione dei rifiuti, è quello di inserire ulteriori indicazioni puntuali e di maggior tutela ambientale sulla base di motivate e oggettive ragioni».

MOVIMENTO 5 STELLE – «Prendono in giro cittadini e amministratori locali». Così il consigliere del Movimento 5 Stelle Massimo De Rosa dopo che il consiglio regionale ha bocciato la sua mozione sulla discarica di Casorezzo. Il M5S chiedeva alla Lombardia di "ribadire, come attestato dagli atti approvati da Consiglio e Giunta nel corso della X Legislatura la contrarietà alla realizzazione del progetto” e “intervenire presso Città Metropolitana, Autorità Competente al rilascio delle autorizzazioni al progetto in oggetto, affinché venga tenuta in forte considerazione l’unanime contrarietà al progetto da parte dei territori interessati e del Parco del Roccolo”.

«Siamo qui per tutelare gli interessi di tutti quei cittadini non siamo rassegnati ad assistere, mentre il territorio subisce questa nuova e grave ferita: all’ambiente, alla salute e alla qualità della vita. Evidentemente il centro-destra non ci sente – sostiene De Rosa -. Hanno approvato due mozioncine della Lega e di FI inefficaci sul caso specifico e che non avranno ripercussione positive sullo stop al progetto. Chiedono infatti che nel nuovo Piano Rifiuti vengano introdotte misure di tutela ambientali maggiori per l’area del PLIS del Roccolo e altre aree con caratteristiche simili. Le modifiche non possono essere retroattive e non avranno nessun effetto sulle autorizzazioni già rilasciate. Insomma non avranno nessun effetto, mentre la nostra mozione era più concreta ed efficace. Quanto approvato è un contentino una vera e propria presa in giro per i cittadini e gli amministratori locali. Ci tengo a ribadire la nostra assoluta contrarietà al progetto della discarica di rifiuti speciali nelle cave di Busto Garolfo e Casorezzo: siamo per la tutela del Parco del Roccolo e più in generale di tutti i parchi locali d’interesse sovracomunale. Il centro-destra è invece per le discariche e il cemento».

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore