Quantcast

“Signor prefetto, Legnano merita più attenzione e sicurezza”

Nicola Cavallari, contitolare della storica cartoleria Cremonesi, non retrocede di un passo dalla sua ferma posizione nel sollecitare le istituzioni e oggi ha scritto al prefetto di Milano

aggressione largo seprio legnano movida

Nicola Cavallari, contitolare della storica cartoleria Cremonesi, non retrocede di un passo dalla sua ferma posizione nel sollecitare le istituzioni a prestare più attenzione alla città per troppi eventi di violenza e degrado.

Dopo una richiesta inviata al commissario straordinario dott.ssa Cristiana Cirelli e non aver ricevuto alcuna risposta e visto che le notizie, così ci scrive Cavallari, «continuano su di una strada molto pericolosa, rischiamo di non riuscire più a riprendere in mano la situazione e di trovarci in una Legnano bronx, ho deciso di scrivere al Prefetto di Milano. Ho utilizzato la mail dal sito istituzionale della Prefettura ed ora attendo insieme ai miei concittadini una risposta. Nonostante tutto ripongo ancora molta fiducia nelle Istituzioni e sono convinto che qualcosa si farà. Non potevo non fare nulla, io come tutti i genitori legnanesi ci aspettiamo che qualcosa si faccia».

Egregio Signor Prefetto, la Città di Legnano sta vivendo un periodo veramente difficile dal punto di vista della sicurezza. Si stanno verificando situazioni che la mia città non ha mai visto; risse tutti i fine settimana, 2 accoltellamenti in pieno centro, schiamazzi di ragazzi ubriachi fino a mattina, chiamate al 118 che risultano poi uno scherzo.
Nei giorni scorsi ho scritto una lettera dove chiedevo al Commissario Cirelli di rendere noto ai cittadini di come stesse affrontando la situazione dato che noi legnanesi, ovviamente, la stiamo vivendo con molta preoccupazione.
La percezione è che le forze dell’ordine stiano facendo quanto nelle loro possibilità ma questo non è sufficiente per arginare il problema. Serve un intervento che metta a disposizione più uomini per un controllo più capillare e per far sì che gli interventi per risse di decine di persone siano con un numero di agenti che consenta di affrontale adeguatamente e in sicurezza. Sui social è apparsa notizia che una delle scorse sere un dipendente di un locale è stato aggredito a cinghiate da tre extracomunitari, i giornali riportano di un ragazzino (14 anni credo) soccorso per abuso di alcol e una rissa in un parco giochi. Il Commissario Cirelli non ha ritenuto di dover dare una risposta ai cittadini legnanesi ed è per questo mi rivolgo a Lei.
Fiducioso, ringrazio anticipatamente per quanto andrà a disporre.
Cordiali saluti, buon lavoro
Nicola Cavallari

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore