Ricerca

» Invia una lettera

“Ci stanno derubando della possibilità di essere anziani”

27 Novembre 2019

Buongiorno, ultimamente a mio malgrado mi sono scontrato contro la burocrazia comunale, ospedaliera e regionale Nord Ovest della Lombardia.

Ora in breve la mia storia, inizia da mia suocera che da Gennaio 2019 esce e entra dall'ospedale di Legnano dove ha subito ben 3 interventi ambito addominale dove è stata inserita anche una rete per tamponare un po' di problemi e fino qui tutto ok visto che comunque lei cammina ed al limite è autosufficiente.

Ma purtroppo il tutto si è aggravato a Settembre 2019 dove dopo una caduta in casa mio suocero è stato pure lui ricoverato a Legnano, qui si è aperto per me e mia moglie l'infinito Dantesco, infatti abbiamo scoperto che soffre di episema polmonare peggiorato da una broncopolmonite (questa poi curata), insufficienza renale, insufficienza prostatica (ora ha il catetere fisso), occlusione all'aorta gamba destra (rischio di trombosi), deperimento fisico dovuto da anoressia pregressa e quindi ora è bloccato su un letto è NON più autosufficiente da mesi, scordavo problemi psicologici ancora da accertare visto che non ha fatto in tempo ad andare su CDI.

Ora lui è ricoverato a Cuggiono ospedale appartenente alla struttura di Legano zona Nord Ovest in pericolo di dimissioni, dico in pericolo in quanto dovrebbe essere trasferito su una RSA convenzionata, ma ahimè ho scoperto che il mio comune di Rescaldina NON ha mai attivato convezioni verso strutture RSA nonostante sia un comune per la maggiore popolato da anziani.
Nemmeno i servizi sociali di Rescaldina non sanno come aiutarci, tutte le RSA attualmente contattate in altri comuni della Regione Lombardia ovviamente lo mettono in lista attesa ma come ultimo posto in quanto prediligono le richieste dai COMUNI CONVENZIONATI.

Ora io e mia moglie siamo soli NON abbiamo aiuto dal nostro comune, NON abbiamo aiuto dalla Struttura Ospedaliera, NON abbiamo aiuto dalla AST delegata quella di Legnano…

Siamo soli, tempo fa ho sentito una ragazzina che diceva che il mondo gli ha derubato della propria gioventù, per me la cosa è opposta il mondo ci ha derubato della propria possibilità di essere anziani.

Alessandro Ermini


(m.tajè) – Contattato l'assessore ai servizi sociali, Enrico Rudoni, apprendiamo che "a Rescaldina, non esistono RSA comunali ma solo strutture private. Il comune non ha convenzioni attive con RSA private ma, in caso di necessità della famiglia fragile, integra la retta".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.